Lo “spirito” di Verdi
e le ombre in fuga
di San Pietro a Majella

Domenica 30 Maggio 2021 di Vittorio Del Tufo
Lo “spirito” di Verdi e le ombre in fuga di San Pietro a Majella

«La veste dei fantasmi del passato
cadendo lascia il quadro immacolato

(Lucio Battisti, Il mio canto libero)

* * *

Quando voleva, il venerando Francesco Florimo riusciva a essere davvero assillante. Si narra dei veri e propri corteggiamenti ai quali il grande bibliotecario di San Pietro a Majella sottoponeva i più acclamati musicisti del mondo affinché donassero al Conservatorio un cimelio, un calco in gesso, una partitura originale o...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
© RIPRODUZIONE RISERVATA