Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ventenne accoltellato a Salerno,
la verità sulla lite dalle testimonianze

Mercoledì 6 Luglio 2022 di Angela Trocini
Ventenne accoltellato a Salerno, la verità sulla lite dalle testimonianze

Procedono a 360 gradi le indagini per l'accoltellamento avvenuto nella notte di domenica in via Leucosia a Salerno, nel quartiere Mercatello. Fatto di sangue che ha provocato il ferimento di un 20enne, la cui prognosi fortunatamente è stata sciolta proprio nelle ultime ore dai medici dell'ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona dove il giovane Domenico era stato trasportato d'urgenza a causa delle ferite riportate nella zona lombare e ad un orecchio che hanno reso necessario il ricovero presso il reparto di chirurgia d'urgenza del nosocomio salernitano. Al momento, quindi, non si esclude alcuna pista con gli agenti della Squadra Mobile di Salerno (agli ordini del vicequestore Gianni Roberto Di Palma) che stanno svolgendo accurati approfondimenti in diverse direzioni.

All'attenzione degli investigatori, oltre i filmati delle telecamere di videosorveglianza che potrebbero essere presenti nella zona e che avrebbero potuto riprendere qualcosa o qualcuno, anche la ricostruzione della dinamica dei fatti con l'escussione di testimoni e degli stessi amici di Domenico con i quali il 20enne aveva raggiunto il locale dove aveva trascorso la domenica sera, ballando ed ascoltando musica (a quanto pare il titolare o gestore della struttura, che di sera si trasforma in discoteca, avrebbe un legame di parentela con il giovane). All'uscita, quando probabilmente il 20enne stava andando a prendere l'auto, sarebbe avvenuto il litigio con qualcuno che ha poi estratto il coltello, ferendolo. È ancora e poco chiaro se ci sia stato un contatto corpo a corpo tra la vittima e l'aggressore oppure se quest'ultimo abbia colpito il 20enne mentre era di spalle. I poliziotti inoltre starebbero anche tracciando il profilo della vittima, proprio per comprendere in che contesto sia potuto maturare l'evento e forse proprio per questo motivo il ferito sembra non sia stato ancora sentito dagli investigatori che probabilmente vogliono avere in mano quanti più elementi possibili prima di interrogarlo per sentire la sua versione sui motivi dell'aggressione e se sia in grado di riconoscere il suo aggressore o di fornire qualche elemento utile all'individuazione di quest'ultimo.


Un lavoro, quello dei poliziotti della Mobile a cui sono state affidate le indagini, certosino e capillare iniziato domenica sera e che proseguirà anche nei prossimi giorni con continui sopralluoghi (come ieri) nella zona in cui è avvenuto l'accoltellamento alla ricerca di eventuali tracce e particolari utili al prosieguo delle indagini e continui briefing con l'autorità giudiziaria per aggiornare quest'ultima su tutti gli elementi investigativi finora raccolti. Ancora troppo presto per circoscrivere il cerchio delle responsabilità intorno a qualcuno, anche perché il ferimento sembra sia arrivato dopo una discussione che avrebbe riguardato più di una persona. Gli accertamenti dei poliziotti, che proseguono nel massimo riserbo, non escludono nulla riguardo ai motivi del litigio finito nel sangue e che potrebbero riguardare sia un apprezzamento di troppo ad una ragazza, ma anche altri motivi. Probabilmente anche più gravi, come grave è stata la reazione. Al momento tutto è coperto dal segreto investigativo. La circostanza che maggiormente preoccupa è che sempre più giovani escano armati e la cronaca degli ultimi tempi lo conferma: si è andati dagli scontri sul lungomare, centro storico e zona orientale avvenuti l'estate scorsa, agli spari per strada di alcune settimane tra Torrione e Pastena. E, quando le forze dell'ordine individuano tali giovanissimi (a quanto pare l'età si abbassa sempre più), effettuando anche perquisizioni domiciliari, il più delle volte vengono trovati coltelli a scatto, cazzottiere, bastoni ed tutta una serie di oggetti atti ad offendere. Oggetti che questi ragazzi, giovanissimi, sono pronti ad utilizzare per attaccare senza preoccuparsi delle conseguenze. Per fortuna quanto accaduto nella notte di domenica a Mercatello non ha avuto esiti infausti. Le condizioni del 20enne colpito con cinque fendenti non destano particolare preoccupazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA