Aggressioni a bordo
squadre di vigilanza
anche sui bus Sita Sud

di Diletta Turco

Misure anti-aggressione presto anche in casa Sita Sud. Già dal prossimo mese, saranno operative le squadre di vigilanza a bordo dei mezzi dell’azienda di trasporto. Due i componenti delle squadre previste, e cioè un verificatore aziendale e un vigilantes, sulla scia di quanto effettuato da Busitalia Campania. Motivo della decisione dell’azienda sono gli episodi – non frequentissimi ma comunque numerosi – che lo scorso anno si sono verificati a bordo di alcuni mezzi Sita Sud. Non solo per viaggiatori sprovvisti di biglietto, ma anche per pendolari saliti a bordo ubriachi o particolarmente facinorosi. Svariati i conducenti dei mezzi costretti a ricorrere agli ospedali del territorio dopo aggressioni più o meno violente. Da qui la decisione dell’azienda di trasporto di potenziare la presenza a bordo di verificatori – a sostegno degli autisti – e di affiancare loro anche un vigilantes.
IL «DEBUTTO»
«Ci sarà una fase sperimentale – dice al riguardo il direttore della Sita Sud, Simone Spinosa – in cui la presenza delle squadre di controllo sarà concentrata solo su specifiche tratte che coprono particolari zone, dove sono stati registrati più casi di violenza». Le zone individuate dall’azienda sono la piana del Sele, con particolare attenzione alle strade interne, l’area degli Alburni e la zona di Buccino, oltre che gran parte del territorio avellinese. Sulla direttrice più usata, la Salerno-Napoli, queste misure non saranno ancora applicate, almeno non nell’immediato, anche perché il fenomeno che stava creando più problemi, e cioè la presenza di venditori ambulanti pendolari che non pagavano, sta progressivamente rientrando. «Siamo intervenuti su questo fronte – aggiunge Spinosa – e il fenomeno si sta riducendo, come dimostrano anche i dati periodici che ci arrivano dal monitoraggio dell’evasione tariffaria». Un altro strumento operativo che ha fatto ridurre la presenza di “portoghesi” a bordo dei mezzi è stata la riconferma degli abbonamenti annuali gratuiti per gli studenti. «Abbiamo registrato un aumento del traffico in tutto il 2018, anche per via di questa disposizione – sottolinea Spinosa – per il 2019 non sono previsti aumenti tariffari».
Altra novità è l’introduzione – anche per il 2019 – del biglietto giornaliero per le mete turistiche della Divina. Valido per 24 ore al costo di 12 euro, che diventano 13 in caso dell’aggiunta del servizio urbano effettuato sul comune di Positano. «Poi, grazie ad una convenzione con le società che effettuano trasporti marittimi – puntualizza Spinosa – c’è il biglietto da15 euro che incorpora il trasporto illimitato sui bus Sita, il trasporto urbano a Positano e un viaggio via mare». Un esperimento già riuscito nel 2018, e che sarà ripetuto anche per questa annualità.
Giovedì 7 Febbraio 2019, 06:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP