Buccino, via alla piantumazione di 500 alberi nelle aree Asi

Visconti, presidente del Consorzio: vogliamo contribuire concretamente alla lotta ai cambiamenti climatici

Antonio Visconti, presidente dell'Asi Salerno
Antonio Visconti, presidente dell'Asi Salerno
Mercoledì 12 Aprile 2023, 11:18 - Ultimo agg. 12:16
2 Minuti di Lettura

Prosegue il progetto Oasi, avviato nel 2022 con la messa a dimora dei primi 500 alberi ad alto e medio fusto nelle aree industriali di Battipaglia e Buccino, con una nuova piantumazione di altri 500 nuovi alberi.

Il 13 aprile l’appuntamento è nelle aree Asi di Buccino alle 9.30 e in quella di Contursi Terme alle 10.30, presso la sede dei rispettivi Depuratori Cgs. Obiettivo: raggiungere l’insediamento di 5.000 nuovi alberi entro il 2024 nelle aree Asi della provincia di Salerno

L’iniziativa nata grazie dalla virtuosa collaborazione del Consorzio Asi Salerno con Legambiente Campania, Cgs Salerno, dipartimento di Agraria dell’Università di Salerno e l'Ufficio foreste della Regione Campania, punta a rigenerare il territorio delle aree industriali della provincia, dando vita a piccoli boschi che mitighino gli effetti dell’inquinamento, migliorando la qualità dell’aria e recuperando contesti degradati. Alla piantumazione parteciperanno anche i primi cittadini di Buccino e Contursi Terme, Nicola Parisi e Antonio Briscione, oltre a studenti e rappresentanze delle scuole delle territorio.

Video

«La sostenibilità è uno degli obiettivi principali del Consorzio Asi Salerno - ha commentato il presidente Antonio Visconti - Vogliamo contribuire concretamente alla lotta ai cambiamenti climatici e all'innalzamento della qualità degli ecosistemi.

In queste zone prima d’ora nessuno è mai intervenuto con progetti di riqualificazione. Con la collaborazione di Legambiente Campania, sotto la guida del dipartimento di Agraria dell'Università di Salerno e col supporto tecnico dell'Ufficio foreste della Regione Campania che fornirà le piante autoctone, miglioreremo i livelli di benessere di luoghi desolati». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA