Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Amalfi, tutto pronto per il “concerto al tramonto” con Valentina Assorto e l'accademia mandolinistica napoletana

Martedì 9 Agosto 2022
Amalfi, tutto pronto per il “concerto al tramonto” con Valentina Assorto e l'accademia mandolinistica napoletana

Un'atmosfera magica, tra panorami straordinari, terrazzamenti che brillano al sole e case a strapiombo sul mare che si apre sulla Costa d'Amalfi, dove torna, nella frazione di Pastena, il 12 agosto, alle 19.30, il concerto al tramonto, un'iniziativa dell'amministrazione comunale alla riscoperta della grande tradizione musicale della canzone classica napoletana. E dunque il sole che tramonta lungo la linea dell'orizzonte sarà la suggestiva scenografia del concerto dei Maestri dell'accademia mandolinistica napoletana, accompagnati dalla voce di Valentina Assorto, in Serenata luntana”. Un viaggio tra le grandi melodie che fanno da colonna sonora alla vita quotidiana, un percorso per raccontare Napoli in tutte le sue contraddizioni con le gioie, le amarezze, l'allegria e i sentimenti attraverso un repertorio di canzoni senza tempo, da O paese d' 'o sole, Io te vurria vasà, Voce 'e notte e tante altre.

«Il concerto al tramonto è un appuntamento molto atteso, un cult dell'estate di Amalfi - sottolinea il sindaco Daniele Milano -. Si inserisce in una più ampia visione di turismo esperienziale e slow, per recuperare il contatto diretto con la natura e il territorio in tutte le sue potenzialità». «'Serenata Luntanà è anche il desiderio di riscoprire le grandi liriche e la poetica partenopea, attraverso le voci di Salvatore Di Giacomo, Libero Bovio, De Curtis, alle radici della nostra cultura antropologica e identitaria», aggiunge l'assessore alla Cultura Enza Cobalto. 

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA