Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Salerno, nuova sparatoria:
è guerra tra gruppi di giovani?

Giovedì 16 Giugno 2022 di Petronilla Carillo
Salerno, nuova sparatoria: è guerra tra gruppi di giovani?

Doveva essere una serata tranquilla, un martedì sera come tanti per i residenti di zona Irno: finestre spalancate per far girare un po’ di aria fresca e ragazzini in strada a godersi l’estate. Ma, intorno alle 23.30, qualcosa è successo che ha spaventato tutti: all’improvviso si sono sentiti dei rumori di scooter ad alta velocità e degli spari. Quanti colpi sarebbero stato esplosi, ancora non è stato definito dai carabinieri del Nucleo operativo della compagnia Salerno, agli ordini del capitano Antonio Corvino e del tenente Manlio Malaspina, che stanno indagando a 360 gradi per ricostruire la dinamica. In particolare si sta cercando di capire se possano esservi dei collegamenti con l’altra sparatoria avvenuta sabato 4 giugno in via dei Mille, a Pastena. Episodio, questo, su cui sta indagando la Squadra mobile della questura di Salerno. Potrebbe, in pratica, trattarsi di una risposta di fuoco a quell’azione criminale.

Secondo una prima ricostruzione, sarebbero arrivati alcuni ragazzi a bordo di scooter e avrebbero esploso diversi colpi di pistola. Probabilmente con un revolver dal momento che non sono stati ritrovati bossoli ma soltanto delle ogive e dei segni sui muri di piazza Ippolito da Pastina. Qualche residente spavaldo si è affacciato al balcone e ha urlato contro i ragazzi, pensando forse che si trattasse di petardi o fuochi d’artificio. Altri invece hanno allertato subito i carabinieri che sono immediatamente giunti sul posto con più pattuglie. E così, esaminata la scena del crimine, sono stati da subito sentiti alcuni testimoni. Ora saranno anche visionati i filmati delle telecamere di sicurezza dell’intera zona per cercare di risalire all’identità dei ragazzini, almeno quattro o sei. Dai primi riscontri effettuati dagli investigatori pare che fossero giovanissimi, qualcuno forse anche minorenne e qualcun altro appena maggiorenne. 

Quanto accaduto apre un nuovo spaccato sul contesto criminale della zona orientale. Due le ipotesi sulle quali si sta maggiormente concentrando l’attenzione degli investigatori: che possa essere in atto una guerra tra bande di giovanissimi, magari seconda generazione dei vecchi capi di quartiere, oppure che qualcuno voglia far valere il proprio potere criminale sulla zona orientale attraverso metodi di intimidazione. Nel primo caso, dunque, gli spari di martedì notte in piazza Ippolito da Pastina potrebbe essere una risposta a quanto accaduto in via dei Mille. Il punto è che la situazione rischia di diventare pericolosa. Soltanto ad ottobre scorso fu ferito, sempre a Pastena, un personaggio «illustre» della zona: Antonio Castellano, 30 anni, un parente stretto di Papacchione, all’anagrafe Giuseppe Stellato. Non si esclude neanche che quanto sta accadendo nelle ultime settimane possa avere un collegamento con questo episodio e che i rapporti tra persone di gruppi diversi possano essere degenerati.

Video

Sempre a metà dello scorso anno, nel corso delle ultime audizioni in commissione parlamentare Antimafia degli organi inquirenti salernitani, fu lanciato una allarme in tal senso. Soprattutto in riferimento alle nuove leve della criminalità organizzata che manifestano la propria presenza sul territorio attraverso condotte sintomatiche, i cosiddetti reati “spia” ovvero atti intimidatori, danneggiamenti e incendi dolosi sfociati in qualche caso anche in fatti di sangue più gravi. In quella sede proprio il comandante provinciale di Salerno, colonnello Gianluca Trombetti, aveva rilevato come «l’ascesa di gruppi composti prevalentemente da giovani aggressivi, normalmente privi di qualsivoglia capacità di gestione delle illecite risorse umane e materiali a disposizione e senza una vera e propria visione criminale, che tentano di colmare i “vuoti di potere” con spregiudicatezza, ritagliandosi contingenti spazi sul territorio attraverso l’esercizio della violenza quale unica forma di predominio socio-ambientale». 

Ultimo aggiornamento: 21:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA