Aspettando... il Mio San Marzano,
raccolta firme sognando l'Unesco

Grande successo per l’evento “Aspettando...il Mio San Marzano”, tenutosi presso l’azienda Farao a Sarno, organizzato da LaBuonaTavola Magazine e promosso da Solania, azienda leader nel settore della trasformazione del pomodoro San Marzano e con la collaborazione di Perrella, azienda di distribuzione in Campania e Molise.

Per Giuseppe Napoletano, amministratore unico di Solania srl, «l'evento per la celebrazione della bacca più famosa d’Italia, è stato terreno fertile per lanciare la sottoscrizione per l’inserimento dell’Agro Sarnese Nocerino come Bene Culturale e Naturalistico dell’Umanità da parte dell’Unesco».

La proposta ha trovato consensi da parte del Presidente della Provincia di Salerno Michele Strianese, dei deputati Edmondo Cirielli e Luigi Casciello, dai componenti del Cda del Consorzio del San Marzano Dop Pasquale D’Acunzi, Tommaso Romano e Mario Nolano e di alcuni giornalisti tra i quali Luciano Pignataro, Barbara Guerra, Albert Sapere e Brunella Cimadomo.

Pignataro ha sottolineato come «questo territorio, che regala un prodotto unico nel suo genere, necessita di tutela del marchio da parte dell’Unesco perché i nostri produttori per poter apportare reddito devono poter esportare e, come ci insegnano i francesi, “i terreni fanno la differenza” per questo bisogna continuare in questa direzione senza perdere fiducia e tenacia».

«Aspettando... il Mio San Marzano - ha affermato con orgoglio Renato Rocco direttore de LaBuonaTavola Magazine e organizzatore dell’evento - inaugura la stagione agroalimentare del pomodoro, un pomodoro importantissimo per la nostra bilancia dei pagamenti, per il nostro export. L’evento è stato organizzato per celebrare il San Marzano appena colto, così come la natura lo produce, fresco e crudo ed è stato il prologo per quello che si terrà il 23 settembre presso l’azienda Solania in cui invece verrà presentato il prodotto trasformato».
Mercoledì 31 Luglio 2019, 18:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP