Choc in Campania, bimbo 10 anni
tenta suicidio e si lancia nel vuoto

Lunedì 29 Aprile 2019 di Petronilla Carillo
Choc a Battipaglia, dove un bambino di 10 anni è caduto dalla mansarda della sua abitazione ed è stato ricoverato in gravi condizioni all'ospedale Santobono dopo le prime cure nel pronto soccorso dell'azienda ospedaliera universitaria di Salerno. Dai primi accertamenti, pare che il bimbo si sia lanciato volontariamente dal secondo piano. Avrebbe addirittura lasciato un biglietto. Alla base del gesto, secondo gli investigatori, ci sarebbero motivi scolastici ma non legati a fenomeni di bullismo. 

È stata la madre a chiamare i soccorsi. Erano scesi insieme per andare a scuola, quinta elementare di un istituto di Battipaglia, ma il bimbo, orfano di padre, sarebbe tornato a casa con la scusa di aver dimenticato un quaderno, si sarebbe fatto dare le chiavi e, una volta solo, si sarebbe lanciato nel vuoto cadendo proprio davanti alla madre dopo un volo di dieci metri. 

«Il piccolo paziente è ricoverato in prognosi riservata nel reparto di Rianimazione dell'ospedale napoletano; gli esami effettuati nella mattinata di oggi hanno evidenziato la presenza di diverse fratture in diverse parti del corpo», è il bollettino diramato alle 18 dall'azienda ospedaliera Santobono Pausilipon. «Proprio a causa della complessità del quadro e della gravità delle ferite riportate - recita la nota - al momento non è possibile indicare tempi e modalità di evoluzione delle condizioni di salute del bambino».  Ultimo aggiornamento: 18:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA