Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bellizzi, cani deceduti o in fin di vita
legati alle catene: denunciati

Giovedì 7 Luglio 2022
Bellizzi, cani deceduti o in fin di vita legati alle catene: denunciati

I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Giffoni Valle Piana, allertati dai volontari dell’associazione «Guardia Rurale Ausiliaria di Salerno» per un presunto caso di maltrattamento animali nel comune di Bellizzi (Sa), si sono portati nel luogo segnalato, un piazzale dismesso un tempo utilizzato per il soccorso stradale, unitamente ai medici veterinari dell’Asl Uov di Battipaglia ed ai volontari dell’associazione.

All’interno del piazzale i militari hanno trovato una scena di completo abbandono: vi erano sei cani di cui uno deceduto ed ancora legato alla catena. Gli animali non avevano disponibilità di cibo né di acqua, inoltre sullo stesso piazzale erano presenti rifiuti di vario genere, speciali e domestici, e residui di rifiuti combusti. Presente agli accertamenti il detentore dell’area.

Video

Alla luce di quanto riscontrato e refertato dal personale veterinario intervenuto e considerate le condizioni di detenzione degli animali, i militari hanno provveduto a denunciare l’accaduto alla Autorità Giudiziaria per le violazioni riscontrate e più precisamente il maltrattamento aggravato e l’abbandono di animali (articoli 544 ter e 727 del Codice Penale) oltre che per la combustione illecita di rifiuti sanzionata dall’articolo 256 bis del Testo Unico Ambiente (D.lgs. 152/2006); erogata inoltre sanzione amministrativa pari ad euro 600 per abbandono di rifiuti. Gli animali sono stati posti in libertà e riconsegnati ai proprietari; imposte prescrizioni sanitarie per la bonifica dell’area.

© RIPRODUZIONE RISERVATA