Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Borsa del turismo scolastico,
presentato il progetto Cultura Campania

Sabato 2 Aprile 2022
Borsa del turismo scolastico, presentato il progetto Cultura Campania

Nel salone della Borsa internazionale del turismo scolastico #fuoridallaclasse, in programma a Scafati negli spazi dell’ex Real polverificio borbonico, è stato presentato il progetto dell’Ecosistema digitale “Cultura Campania”. Un confronto tra i protagonisti della digitalizzazione del patrimonio culturale regionale e gli alunni del liceo scientifico Enrico Fermi di Aversa che, all’interno del programma europeo Open, hanno fornito il proprio punto di vista basato sull’esperienza della navigazione nell’ecosistema digitale.

All’interno della sala intitolata all’archeologo Amedeo Maiuri, il dibattito ha visto alternarsi i ragazzi, guidati dalla professoressa Pernisi, con gli interventi di Rosanna Romano, direttore generale per le Politiche Culturali e il Turismo Regione Campania, Luigi Vicinanza, presidente del Mav - Museo archeologico virtuale di Ercolano, Candida Carrino, direttorice dell’archivio di Stato di Napoli, Carmine Romano del Museo di Capodimonte, Lara D’Amore dell’ufficio progetti del Museo Madre. L’incontro è stato coordinato dalla giornalista Marianna Ferri.

Video

Studenti e docenti hanno illustrato il proprio operato nel progetto realizzato nell’ambito dell’ecosistema digitale per la cultura, che ha come obiettivo la fruizione e la valorizzazione del patrimonio culturale regionale ed è finanziato dalle risorse Por Campania. Attraverso i diversi interventi è stata quindi raccontata questa piattaforma concepita dalla Regione Campania che fornisce informazioni, tour virtuali, schede catalografiche, esperienze immersive ed altri servizi multimediali legati alle attività ed ai beni culturali presenti sul territorio regionale. Un luogo virtuale attraverso il quale è possibile accedere alla rappresentazione digitale del patrimonio custodito da alcuni enti pubblici e privati, come documenti d’archivio, libri antichi e moderni, monumenti, opere d’arte, scavi archeologici, risorse culturali del cinema, della musica e dello spettacolo rese fruibili in ambiente digitale.

Una sorta di percorso di visita virtuale nei luoghi che custodiscono il patrimonio culturale campano, con 470mila schede di catalogo, 49 enti pubblici e tre progetti per un totale di 30 milioni stanziati. I ragazzi coinvolti hanno visto valorizzato il proprio lavoro in quanto protagonisti, messaggeri e testimonial di una realtà che rappresenta la sintesi del modo più attuale di fare didattica. Domenica 3 aprile Bitus si conclude in musica con l’esibizione di orchestre giovanili scolastiche per la presentazione dello Student Music Festival, prima kermesse musicale dedicata alle scolaresche di tutta Italia, la cui giuria è composta da 100 studenti selezionati tra gli istituti che partecipano. Tra gli altri appuntamenti, la presentazione del Premio internazionale di archeologia Amedeo Maiuri e tanti laboratori didattici.

Video

Tra gli ospiti attesi il direttore del Mann Museo archeologico nazionale Paolo Giulierini, in collegamento per la presentazione del volume “Mann che storia”, supplemento gratuito de La Repubblica giovedì 31 marzo, e l’artista non vedente Giacomo Pietoso. Per il fine settimana dedicato alle scuole, ma anche alle famiglie, sono previste tante attività al Givova Sport Village, gestito da Uisp Sport per Tutti Campania con campi da tennis, calcio a 5, basket e altri sport di squadra e intitolato al main sponsor della manifestazione. Bitus è ospitata dal Real polverificio borbonico a Scafati fino a domenica 3 aprile. Il sito è parte del Parco archeologico di Pompei; nel Polverificio sono stati avviati i lavori di riqualificazione che, nel corso dei prossimi mesi, consentiranno di riaprire al pubblico gran parte del parco monumentale con il Viale dei Platani più lungo d’Italia. Con Bitus è quindi possibile godere di un’anteprima del bellissimo spazio verde.

© RIPRODUZIONE RISERVATA