Bmta di Paestum, la scoperta di Zahi Hawass
International Archaeological Discovery Award

Bmta di Paestum, la scoperta di Zahi Hawass International Archaeological Discovery Award
Martedì 4 Ottobre 2022, 11:00
3 Minuti di Lettura

L’International Archaeological Discovery Award, il Premio intitolato a Khaled al-Asaad, Direttore dell’area archeologica e del Museo di Palmira dal 1963 al 2003, che ha pagato con la vita la difesa del patrimonio culturale, è l’unico riconoscimento a livello mondiale dedicato al mondo dell’archeologia e in particolare ai suoi protagonisti, gli archeologi, che con sacrificio, dedizione, competenza e ricerca scientifica affrontano quotidianamente il loro compito nella doppia veste di studiosi del passato e di professionisti a servizio del territorio. La Borsa Mediterranea del turismo archeologico e archeo, la prima testata archeologica italiana, hanno inteso dare il giusto tributo alle scoperte archeologiche attraverso un Premio annuale assegnato in collaborazione con le testate internazionali, tradizionali media partner della Borsa: Antike Welt (Germania), Archäologie in Deutschland (Germania), Archéologia (Francia), as. Archäologie der Schweiz (Svizzera), Current Archaeology (Regno Unito), Dossiers d’Archéologie (Francia).


Le cinque scoperte archeologiche del 2021 finaliste dell’8ª edizione dell’International Archaeological Discovery Award «Khaled al-Asaad»: 
 
·    Egitto: dal deserto riaffiora la città fondata da Amenhotep III a Luxor;
·    Italia: Pompei, a Civita Giuliana scoperta la stanza degli schiavi;
·    Pakistan: nel sito di Barikot il più antico tempio buddhista urbano della valle dello Swat;
·    Regno Unito: in Inghilterra nella contea di Rutland uno straordinario mosaico con scene dell’Iliade;
·    Turchia: in Anatolia il sito di Karahantepe un santuario rupestre di oltre 11mila anni fa.
Pertanto, l’edizione 2022 dell’International Archaeological Discovery Award “Khaled al-Asaad” va alla scoperta della «città d’oro fondata da Amenhotep III, riaffiorata dal deserto in Egitto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA