«Un costume per sole donne magre»:
bufera social e accuse alla sartoria di Positano

Sabato 4 Luglio 2020 di Barbara Cangiano
Chissà come avrebbe reagito Ashley Graham - la modella curvy americana paladina della lotta al body shaming - inciampando in un post con un'indossatrice in costume e un claim pesante quanto una manciata di pietre: «Fatto solo in S per corpi perfetti! Non chiedeteci la M che non possiamo accontentarvi, sarebbe uno scandalo». Cinque scatti, un corpo statuario che dà le spalle al mare e ai vicoli della costiera amalfitana, uno slogan bomba e la polemica via social è servita. La pagina Facebook è quella dell'Antica sartoria by Giacomo Cinque, marchio storico della famosa moda mare Positano: questa volta, però, la maison dell'artigianato non ha fatto parlare di sé per i vecchi merletti insertati su foulard colorati che negli anni Sessanta stregarono un nutrito drappello di star, bensì per un messaggio letto come una chiara incitazione al body shaming. Con buona pace di un manipolo di stilisti che, travolti dalle critiche, hanno iniziato a richiamare in passerella mannequin con qualche chilo in più della taglia 38.

Subito dopo i lanciafiamme del web, che hanno accusato l'azienda di fare discriminazione, il post è stato rimosso, anche se sopravvive negli screenshot che sono rimbalzati da un profilo all'altro, con annessi commenti in bilico tra l'indignazione e lo sdegno. L'amministratore Riccardo Ruggiti si è prontamente difeso, tirando in ballo un errore di interpretazione: quei costumi, ha spiegato, rientrano nei one size. E nel caso di specie, si producono solo dalla 40 alla 42, così come altri solo dalla 46 alla 55. Quindi ad essere “perfetta”, non sarebbe stata la S in quanto tale, ma la vestibilità del pezzo intero su un fisico asciutto e longilineo. Il chiarimento non ha convinto più di tanto. In compenso, il costume per magre dell'Antica sartoria è diventato uno dei temi più discussi. Se è stata una trovata di marketing, per quanto discutibile, sembra aver raggiunto lo scopo. Ultimo aggiornamento: 11:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA