Buste paga taroccate per i prestiti,
sette falsari finiscono alla sbarra

di Nicola Sorrentino

  • 94
Presentavano buste paga false per ottenere dei prestiti dalla banca. Soldi in contanti, che però non spettavano a nessuno di loro. In sette sono finiti a giudizio, così come chiesto dalla procura di Nocera Inferiore, con l'accusa di falso commesso da privati. Gli episodi che riguardano gli imputati, residenti a Cava de' Tirreni ma anche nell'Agro nocerino sarnese, sarebbero stati commessi nel mese di maggio del 2017. A fare da mediatore vi sarebbe stata una donna di Cava, che avrebbe poi agito per conto degli altri, in un'indagine che si è snodata in più filoni a seconda delle circostanze. I primi accertamenti della polizia giudiziaria partirono dopo la denuncia sporta dal direttore di un istituto di credito metelliano.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 9 Agosto 2019, 10:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP