Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fermati nel Salernitano 3 carrarmati
diretti in Germania: rimorchi non in regola

Mercoledì 29 Giugno 2022
Fermati nel Salernitano 3 carrarmati diretti in Germania: rimorchi non in regola

Tre carrarmati Pzh2000 diretti in Germania, e provenienti dalla base militare di Persano, sono stati fermati dalla polizia stradale di Napoli al casello di “Mercato San Severino” dell' autostrada Salerno-Caserta perché i trattori e i semirimorchi delle ditte private incaricate del loro trasporto erano sprovvisti della carta di circolazione e la prevista revisione periodica era scaduta.

Inoltre, uno dei conducenti non aveva l'autorizzazione per guidare mezzi di trasporto eccezionali. I tre mezzi bellici sono stati spediti di nuovo alla base di Persano in attesa di essere ritrasportati su mezzi in regola con le carte: facevano parte di un convoglio di cinque carri armati. Gli altri due mezzi, che hanno passato i controlli, hanno proseguito il loro tragitto verso Bologna da dove poi, attraverso la Germania, arriveranno in Ucraina. 

Video

Lo Stato maggiore della Difesa precisa in una nota che «i mezzi trasportati, Pzh2000, erano diretti in Germania per un'esercitazione. Il trasporto dei mezzi provenienti dalla base militare di Persano di Salerno era a carico di una ditta privata che da controlli effettuati non era in possesso di documentazione corretta».

L'esercitazione in questione, in programma dal 6 al 24 luglio, si svolge nell'area di addestramento tedesca di Grafenwoehr, ed è la Dynamic Front 22, un addestramento di natura multinazionale guidato dal 56ø comando di artiglieria dell'esercito degli Stati Uniti in Europa e Africa. Del reggimento cui appartengono i carri, si parlava anche nella circolare dell'Esercito sull'addestramento al 'warfighting' varata dopo lo scoppio della guerra in Ucraina e che aveva suscitato polemiche (Rifondazione Comunista-Sinistra Italiana la bollò come 'gravissimà, mentre la Difesa precisò che si trattava di un documento di routine): in quella circolare l'8/o Reggimento Pasubio veniva esplicitamente citato come uno dei reparti da tenere in prontezza operativa e in piena efficienza.

Ultimo aggiornamento: 30 Giugno, 08:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA