Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Castellabate, volontari di Legambiente
puliscono l'isolotto di Licosa

Sabato 4 Giugno 2022 di Antonio Vuolo
Castellabate, volontari di Legambiente puliscono l'isolotto di Licosa

65 volontari hanno preso parte alla ventesima edizione di “Puliamo l’Isola”, l’evento di Legambiente Campania dedicato alla pulizia dell’isolotto di Punta Licosa, nel cuore dell’area marina protetta di Santa Maria di Castellabate. Recuperati, rispetto alle precedenti edizioni, meno rifiuti di plastica, a testimonianza della crescente sensibilità da parte di chi frequenta questi luoghi. L’iniziativa è stata organizzata con il patrocinio del Comune di Castellabate e dell’Ente Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni

 «E’ un segnale molto incoraggiante - ha spiegato Pasquale Colella, presidente del circolo di Castellabate di Legambiente - Quando si recuperano meno rifiuti, significa che cresce la sensibilità dei cittadini. E noi siamo davvero felici di aver raccolto pochi sacchetti».

Per Legambiente, presenti anche Michele Buonomo del direttivo nazionale e la presidente regionale, Mariateresa Imparato. 

«Da questo luogo di straordinaria bellezza del Cilento faccio un appello a chi li frequenta affinché li rispetti sempre, proprio come abbiamo notato oggi, recuperando molti meno rifiuti rispetto al passato» ha detto Imparato. 

«E’ sempre importante sensibilizzare le persone, giovani e meno giovani, sulla tutela dell’ambiente e “Puliamo l’isola” è uno degli eventi più attesi sul territorio perché dà l’occasione di tutelare un luogo unico al mondo» ha aggiunto Michele Buonomo. 

A margine della pulizia dell'isola, sono stati sparsi in mare i semi recuperati dell’oliva di mare, il frutto della posidonia. L'iniziativa rientrava nell’ambito del progetto Life SeaForest del Parco, ed ha visto protagonista Assunta Niglio dell’ufficio Area Marina Protetta del Comune di Castellabate.

Prima ancora, invece, il sindaco Marco Rizzo insieme all’assessore all’ambiente Nicoletta Guariglia hanno premiato i  bambini dell’Istituto Comprensivo Castellabate che hanno partecipato al concorso “Tartarugando” sul tema della salvaguardia del mare e delle tartarughe marine.

«E’ importante sensibilizzare le nuove generazioni alla salvaguardia della risorsa mare e non solo. Nella nostra Area Marina Protetta ogni anno abbiamo la fortuna di assistere alla nidificazione della Caretta Caretta, che rappresenta l’ennesima riprova della purezza delle nostre acque» ha sottolineato il sindaco, Marco Rizzo.

«Con piacere ho apprezzato i tanti disegni realizzati dai bambini che entusiasti hanno rappresentato, ognuno a suo modo, le tartarughe marine. Abbiamo il dovere di far conoscere le bellezze che ci circondano e sensibilizzare soprattutto i più piccoli alla tutela e salvaguardia dell’ambiente e della sua fauna» ha concluso l’assessore Nicoletta Guariglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA