Cicerale, la tecnologia «No Dig»
per non rovinare la strade già asfaltate

Mercoledì 13 Gennaio 2021 di Antonio Vuolo

Un nuovo sistema, non invasivo, che consente di realizzare i lavori senza effettuare scavi e rovinare il manto stradale, per di più se asfaltato di ricente. Il Comune di Cicerale, per la posa in opera dei cavi della fibra ottica,  ricorre al sistema No Dig, che consente di posizionare tubazioni o cavi, o di sostituire quelli esistenti, senza ricorrere a scavi a cielo aperto ed evitando manomissioni. Lo scavo, infatti, avviene a margine della strada con trivellazioni orizzontali che consentono di creare dei tunnel, dove poi vengono posati i cavi.

«Il Comune di Cicerale per la prima volta – spiega il sindaco, Gerardo Antelmo – non ha autorizzato lo scavo sulle strade tra l'altro appena asfaltate. Ha dato la prescrizione all'impresa per realizzare gli attraversamenti con il sistema No Dig che non comporta escavi invasivi della rete stradale». Una vera e propria novità per il territorio cilentano visto che siamo sempre più abituati mezzi meccanici in azione a scavare, anche su strade appena asfaltate, una volta per la fibra, un’altra volta per la rete fognaria, poi la rete del metano e così via. Stavolta, però non va così, almeno a Cicerale. 

Ultimo aggiornamento: 12:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA