Cilento, sindaco ordina manutenzione del verde. Multe salate per chi non provvede

di Carmela Santi

Manutenzione del verde, c'è l'ordinanza del sindaco. Multe salate per chi non provvede. Linea dura del sindaco di Ascea Pietro D’Angiolillo per garantire il decoro della nota località turistica del Cilento. Il primo cittadino ha firmato un’ordinanza con la quale impone ai proprietari e conduttori di terreni o aree confinanti con strade provinciali, comunali,  marciapiedi, piste, ciclopedonali, parcheggi pubblici o di uso pubblico, di provvedere alla sistemazione del verde.

In particolare si ordina il taglio di tutte le piante esistenti e di ogni alberatura che per essiccamento o forte inclinazione risulti pericolosa per la circolazione stradale, anche in previsione di eventi meteorologici intensi. Nell'ordinanza di D'Angiolillo si chiede inoltre la potatura regolare di siepi e piante radicate sui fondi che "invadano i confini della proprietà stradale o che provochino restringimenti della carreggiata, limitazione delle visibilità o della leggibilità della segnaletica,  la rimozione immediata dalla sede stradale e da aree pubbliche di alberi, ramaglie e terriccio provenienti dai propri fondi e il consolidamento e la manutenzione delle ripe prospicienti opere murarie presenti lungo le strade. C’è tempo fino a metà maggio per procedere alle opere di manutenzione; per i trasgressori previste sanzioni da 155 a 624 euro.
Domenica 15 Aprile 2018, 13:41 - Ultimo aggiornamento: 15-04-2018 13:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-04-15 21:09:01
I cittadini pagano le tasse e il comune pretende che le siepi siano pulite e gli alberi potati dai cittadini. Forse non sa che per potare un albero che invade la sede stradale ci vogliono permessi a non finire, blocco della circolazione, attrezzature speciali... Ma non è più semplice far pagare la tassa ai cittadini che hanno terreni prospicienti le strade per fare voi la manutenzione, voi non avete bisogno di permessi.

QUICKMAP