Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cinema e diritti umani al Mumble Rumble di Salerno

Mercoledì 2 Maggio 2018 di Luca Visconti
si affronta il tema dei malati psichici
Domani a Mumble Rumble di Salerno, dalle 20, ci sarà la prima serata della sesta edizione della rassegna cinematografica "I Giovedì del cinema dei Diritti Umani", organizzata dalla associazione ART.TRE e Cinema e Diritti.
Verra' proiettato il film "La stanza delle pietre e del cielo” di Sara Grilli: il titolo del film ha origine dalla scritta sul muro di una cella dell’ex O.P.G. di Sant’Eframo a Napoli.

Il documentario apre uno squarcio su un mondo semi-sconosciuto ma soprattutto ignorato dalla maggior parte di noi, il mondo dei “matti”, dei folli, dei reietti, degli emarginati, di coloro che non servono a nessuno.

Persone disumanizzate che la gente non vuole vedere, mostri da dimenticare. Estromessi dalla vita sociale e relegati in un esilio perpetuo vivono l’inferno degli O.P.G., un tempo manicomi criminali, oggi R.E.M.S.

Da un primo excursus storico che spiega il perché della nascita dei manicomi criminali, ci si trova brutalmente catapultati all’interno degli O.P.G. attraverso le testimonianze di chi in prima persona ha subìto ogni tipo di violenza e chi si è adoperato per chiedere giustizia.

L’opera si snoda in sette capitoli all’interno dei quali si toccano i punti cruciali della vita all’interno di un manicomio, dalla contenzione fisica alla cessazione dell’identità, per poi giungere al triste epilogo di una logica istituzionalizzata.
Ospiti deĺla serata l'autrice Sara Grilli, Fedele Maurano (Asl1 di Napoli), Giulio Corrivetti (Asl Salerno) e gli utenti del centro di salute mentale di Curteri.
© RIPRODUZIONE RISERVATA