Sarno, vende monopattino sul web
ma è una truffa: verso il processo

di Nicola Sorrentino

Ruba i dati ad una persona e ne truffa una seconda, promettendogli un monopattino elettrico attraverso internet, che non spedirà mai, anche dopo aver ricevuto i soldi. Rischia il processo un 53enne di Sarno, accusato di truffa e sostituzione di persona, per quanto commesso l'11 agosto del 2015. Secondo la procura di Nocera Inferiore, che ne ha chiesto il rinvio a giudizio, l'uomo avrebbe falsamente messo in vendita un monopattino elettrico mediante l'inserzione di un annuncio sul sito web "kijiji". Poi, sarebbe riuscito a farsi accreditare 280 euro da un potenziale compratore, a titolo di acconto, attraverso una ricarica postepay. Ma subito dopo il pagamento, avrebbe fatto perdere le sue tracce, senza spedire la merce.

I soldi erano finiti sulla carta di una persona che non era però dell'attuale indagato, A.C. Circostanza, questa, valsa al 53enne una nuova accusa, quella di sostituzione di persona. Quello stesso giorno, si presentò infatti all'ufficio postale, sostituendo la propria persona a quella di un'altra, mediante l'uso di una fotocopia di una carta d'identità artefatta, al solo fine di ottenere il rilascio della carta prepagata Postepay. Sulla quale finirono i soldi del monopattino. La vittima, non vedendosi recapitare l'oggetto acquistato, sporse denuncia ai carabinieri. La stessa era anche riuscita a mettersi in contatto con il venditore, che però non fornì spiegazioni ai ritardi sulla spedizione della merce. 
Martedì 19 Febbraio 2019, 18:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP