Contratti fantasma per l'energia,
manager a processo per truffa

di Nicola Sorrentino

PAGANI. Contratti stipulati all'insaputa del cliente per le forniture di energia elettrica e gas: con questa accusa finisce a processo un uomo di 42 anni, dinanzi al giudice monocratico, con inizio del dibattimento fissato per il prossimo 9 gennaio. La procura di Nocera Inferiore gli contesta, in quanto amministratore di una società di servizi con sede nella città di Bari, di aver stipulato un contratto di fornitura energia elettrica per conto della parte offesa. Il cliente, in questo caso, residente nell'Agro nocerino. A quest'ultimo, avrebbe fatto risultare la sottoscrizione di un modulo di adesione ad una società, inducendo così in errore il precedente gestore, con il passaggio e il cambio riguardo la fornitura di energia e gas. Il 42enne avrebbe eseguito e commesso atti illeciti per procurare alla sua azienda l'ingiusto profitto, ora contestato in uno specifico capo d'imputazione, che corrispondeva all'importo delle bollette inviate sulla base del nuovo contratto. E dai costi più elevati, rispetto al precedente. All'imputato 42enne di Pagani viene contestata anche la rediciva nell'arco di cinque anni, per precedenti specifici. L'episodio in questione risale al mese di maggio del 2016, come da denuncia sporta presso la procura di Nocera Inferiore. Un'accusa di truffa, consumata nel più classico dei modi, con i potenziali clienti raggirati a loro insaputa, che si ritrovano firmatari di contratti mai visionati, nè concordati. 
Mercoledì 15 Maggio 2019, 18:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP