I fidanzati pusher ai domiciliari,
lui scagione lei: non sapeva nulla

di Angela Trocini

0
  • 68
Ai domiciliari la coppia sorpresa giovedì nell’operazione degli agenti Antidroga della Mobile di Salerno. In casa dei due, 800 grammi di cocaina nascosti in casa. Il gip Giovanna Pacifico del tribunale di Salerno, al termine del giudizio di convalida e dell’interrogatorio di garanzia, ha disposto la detenzione domiciliare a carico dei 25enni V.C. e P.M, accogliendo la richiesta dei difensori dei due indagati. V.C. (difeso dall’avvocato Agostino Allegro) avrebbe scagionato la convivente affermando come quest’ultima non fosse a conoscenza dell’attività di spaccio di droga. 

Anche la giovane (difesa dall’avvocato Antonio Ferrari) ha affermato di non sapere nulla dell’illecita attività messa in atto dal compagno. Il servizio antidroga aveva portato gli agenti della Mobile (agli ordini del vicequestore Marcello Castello), in via San Pio da Pietrelcina in seguito alla segnalazione sull’esistenza - nell’abitazione a piano terra della coppia - di un grosso quantitativo di stupefacente destinato alla successiva commercializzazione in città. Arrivati sul posto in borghese, dopo aver osservato la zona e notato alcuni particolari, gli investigatori hanno scorto il giovane su un balcone che con fare circospetto si guardava intorno probabilmente per verificare che lungo la strada non vi fossero forze dell’ordine. Dopo pochi minuti, mentre i due conviventi a bordo di una Fiat 500 si stavano allontanando dall’abitazione, sono stati bloccati dai poliziotti e sottoposti a controlli. Un controllo che si è esteso anche all’abitazione, dove in un cassetto del comodino in camera da letto, sono stati trovati i 780 grammi di cocaina, suddivisa in nove buste di cellophane trasparente. 
Domenica 17 Marzo 2019, 06:35 - Ultimo aggiornamento: 17-03-2019 08:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP