Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Distrugge l'auto e le stacca l'energia
in casa: voleva i soldi della ex

Venerdì 5 Agosto 2022 di Nicola Sorrentino
Distrugge l'auto e le stacca l'energia in casa: voleva i soldi della ex

Finisce a processo per tentata estorsione e maltrattamenti nei riguardi della sua ex. Secondo le accuse, un 36enne di Angri arrivò anche a tagliare i fili elettrici all'interno del garage della donna, pur di metterla in una condizione di sottomissione assoluta. Stando alla denuncia sporta dalla stessa ai carabinieri, l'uomo in più occasioni avrebbe rotto oggetti presenti in casa della convivente, danneggiandone l'auto, così come lo specchietto e il display dello stereo, per poi arrivare a staccarle la corrente all'interno del garage. Questi comportamenti erano finalizzati a costringere la stessa a versargli somme di denaro in più occasioni, che tuttavia l'uomo non riuscì ad ottenere per il rifiuto della vittima.

Video

La seconda accusa è quella di maltrattamenti, perchè per almeno un anno l'imputato avrebbe assunto un atteggiamento prevaricatore e violento nei riguardi della ex convivente, maltrattandola e picchiandola con ferocia, tra strattoni, calci e schiaffi, oltre a minacce esplicite di morte. Una serie di sofferenze e privazioni, così come umiliazioni, al punto da rendere la convivenza impossibile. Per l'uomo viene contestata anche l'aggravante di aver agito alla presenza dei tre figli minori. Al termine dell’indagine, la Procura di Nocera Inferiore ha ottenuto per l’imputato il rinvio a giudizio. La lunga serie di episodi di violenza di cui l'uomo si sarebbe macchiato erano contenuti nelle denunce della donna, presentate ai carabinieri, con contestuale avvio di un'indagine da parte della procura nocerina. Solo il dibattimento, ora, chiarirà le responsabilità dell'imputato in relazione ai fatti che gli vengono contestati, riassunti in una doppia accusa di tentata estorsione e maltrattamenti aggravati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA