Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Dum Dum Republic, arriva il «Metis Fest»:
il festival per l'incontro tra i popoli

Venerdì 1 Luglio 2022
Dum Dum Republic, arriva il «Metis Fest»: il festival per l'incontro tra i popoli

Ritorna il «Metis Fest» – festival delle intersezioni di popoli e culture, giunto quest’anno alla sua terza edizione dopo lo stop forzato delle attività nel 2021 a causa del ciclone pandemico. La rassegna - un contenitore itinerante di voci, suoni, esperienze e riflessioni sulla realtà multiculturale in cui viviamo - approda quest’anno l’1 e 2 luglio sulla spiaggia del «Dum Dum Republic» e consisterà in una due giorni di eventi, soprattutto concerti, accompagnati da esposizioni artistiche, mercatino dell’artigianato, cucina multietnica, teatro e dj set. «Due giorni all'insegna della musica che unisce i popoli. Si parte per un viaggio tra suoni, culture e tradizioni – afferma Biancaluna Bifulco, titolare del beach club – Siamo felici della collaborazione con il «Metis Festival», vicino alla filosofia che anima il «Dum Dum Republic», realizzato da un gruppo di giovani salernitani che si battono contro il caporalato, tra incontri musicali e concerti con i ragazzi che lavorano nei campi».

A partire dalle 18:00 di venerdì 1 luglio, dapprima in località Campolongo presso la Casina Rossa, avrà luogo nell’ambito del «Metis Fest» un’assemblea dei lavoratori agricoli della Piana del Sele, pensato come un momento di discussione dal basso sulle tematiche della vita quotidiana in un’area sottoposta alle pesanti condizioni dello sfruttamento della manodopera, soprattutto migrante. Ad aprire le danze alle 21:00 nello scenario del Dum Dum, la giovane e talentuosa cantante reggae/soul italo-senegalese Awa Fall, in un attesissimo live acustico in cui presenterà i suoi ultimi lavori. Dopo di lei, saranno sul palco i Saraka, band svizzera di sette elementi capace di amalgamare, in un tripudio di fiati, percussioni e sintetizzatori, moderne sonorità afrobeat, cumbia e funk. I concerti saranno intervallati dai vinili di musica del mondo di Pubala Selectors e Assumma sound roots che continueranno la festa fino a notte inoltrata, in un continuo mescolarsi di generi e ritmi transcontinentali frutto di una ricerca lungo tutta l’estensione del globo. Il sabato 2 luglio, dopo lo spettacolo teatrale «Come un Griot», calcheranno il palco - sempre dalle 21:00 - due band campane molto diverse ma accomunate dall’eredità musicale afrodiscendente: la cumbia psichedelica dei Radio Tahuania e il funk e il rap dei Funky Pushertz, che festeggeranno insieme al proprio pubblico l’atteso ritorno sulle scene. Ci sarà ancora spazio per dj set e qualche sorpresa fino alla conclusione dell'evento.

La due giorni, promossa come sempre dalle associazioni «Metis» e «Frontiera Sud», per iniziativa di un comitato promotore costituito dai membri del collettivo musicale Pubala selectors che hanno curato anche la direzione artistica del cartellone, si avvale della partnership progettuale della Cooperativa sociale Csc e del Consorzio «La Rada», coinvolgendo nelle pratiche costitutive e nell’offerta gastronomica i lavoratori migranti del territorio e un cospicuo numero di attivisti e addetti ai lavori nel campo della cooperazione e del dialogo interculturale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA