Guasto al depuratore di Battipaglia:
reflui direttamente nel fiume e a mare

Sabato 29 Settembre 2018 di Marco Di Bello
Guasto al depuratore di Battipaglia: reflui direttamente nel fiume e a mare

BATTIPAGLIA - Il depuratore di Tavernola, che lavora le acque reflue della città di Battipaglia, si è guastato. Il Settore Tecnico del Comune di Battipaglia, a causa della rottura, è stato costretto ad autorizzare la deroga allo sversamento delle sostanze inquinanti del mare cittadino.

Secondo quanto comunicato dall’Asis - Salernitana Reti ed Impianti spa, che gestisce l’impianto di depurazione, il guasto ha riguardato il rotostaccio, un filtro. Questa rottura improvvisa finisce col compromettere il trattamento preliminare delle acque e, quindi, comporta il fermo impianto. Per rimettere in funzione l’impianto di Tavernola, almeno secondo le previsioni della stessa Asis, sarà necessario un periodo di 30 giorni, oltre eventuali altri deroghe. Lasso di tempo durante il quale, secondo quanto previsto dalla deroga concessa dagli uffici comunali, i reflui battipagliesi saranno sversati direttamente dentro al fiume Tusciano e, dunque, nel mare battipagliese.

Proprio in questi giorni, gli uffici avevano avviato le procedure per utilizzare le economie del recente potenziamento dell’impianto per realizzare “opere complementari” richieste dalla stessa Asis. Circa 500 mila euro, risparmiati dai recenti lavori, che avrebbero consentito la realizzazione di integrazioni e ridondanze impiantistiche, che forse avrebbero potuto evitare il nuovo fermo.

Il guasto dell’impianto di Tavernola, infatti, capita in uno dei periodi peggiori dell’anno. Quello durante il quale si mettono in funzione i frantoi a monte della città. Già negli anni passati, a causa del lavoro di questi, il corso d’acqua si è spesso colorato di scuro. Ciononostante, l’attività di depurazione dell’impianto aveva consentito di evitare anche l’inquinamento del mare. Con il fermo impianto, invece, c’è la possibilità che gli inquinanti finiscano direttamente sulle spiagge salernitane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA