Maltempo a Salerno, sgomberi a Nocera:
«Famiglie in strada, il Comune le aiuti»

Sabato 26 Settembre 2020 di Carmen Incisivo

Diciotto famiglie sgomberate a Nocera Superiore e famiglie in difficoltà a Salerno. C'è anche questo nel bilancio dei danni provocati dal maltempo. «Si dichiari lo stato di calamità naturale e si risolva il problema abitativo di persone rimaste senza casa». È l'appello che i consiglieri comunali Antonio Cammarota e Roberto Celano hanno rivolto al sindaco di Salerno in seguito all'eccezionale ondata di maltempo che ieri ha flagellato la città. «A seguito delle eccezionali avversità atmosferiche, numerose famiglie hanno registrato ingenti danni - denunciano i consiglieri - In piazzetta Petti vi sono abitazioni, allo stato, non più abitabili, con famiglie che hanno necessità di sostegno immediato da parte delle istituzioni. È necessario che la giunta municipale faccia sua la dichiarazione dello stato di calamità naturale, nonché richiesta di un idoneo contributo alla Regione Campania per far fronte alle spese derivanti dai danni verificatisi nel territorio comunale, con particolare riferimento alle strade ed agli edifici pubblici. Appare necessario - aggiungono - intervenire con urgenza per risolvere il temporaneo problema abitativo di alcune famiglie che non possono più vivere nel proprio alloggio a seguito dei danni registrati». Situazione delicata anche a Nocera Superiore dove il sindaco Giovanni Cuofano ha emanato un'ordinanza precauzionale di sgombero per 18 famiglie di via Cupa Belvedere, zona pedemontana interessata da uno smottamento a seguito delle piogge torrenziali che hanno colpito la città e, più in generale, l'Agro. La strada è interessata in queste ore da lavori urgenti di pulizia da fango, massi e tronchi d'albero venuti giù dalla collina prospiciente dove una decina di giorni fa sono stati appiccati alcuni incendi.

LEGGI ANCHE Nubifragi e tromba d'aria a Salerno: devastate case e piazze

Allestito presso il centro polifunzionale di via Russo un centro di accoglienza provvisorio, in attesa del ripristino delle condizioni di sicurezza delle rispettive abitazioni. «Lungo la strada interessata stanno lavorando mezzi e uomini inviati dalla Regione Campania- spiega Cuofano - La situazione è sotto controllo e gestita con tranquillità, ma abbiamo ritenuto di optare per lo sgombero cautelativo delle famiglie residenti in vista di ulteriori piogge previste durante la notte». Nel pomeriggio anche il presidente della Provincia di Salerno, Michele Strianese, ha manifestato vicinanza alla città di Salerno e a tutti i comuni colpiti dal maltempo. «Esprimo tutta la mia vicinanza ai sindaci e ai comuni colpiti dal maltempo - afferma Strianese - Per fortuna non è stato registrato alcun ferito, ma in questo periodo è fondamentale mantenere alta la guardia ovunque nei nostri territori e cercare di prevenire in caso di ulteriori allerte». A Mercato San Severino sono state chiuse alcune strade mentre a Laviano c'è stato uno smottamento. Amara la conta dei danni anche per il settore agricolo: la Coldiretti denuncia l'interruzione di molte strade rurali nel Cilento e nell'area del Calore. Divelti alberi secolari nell'Agro sarnese nocerino dove si registrano anche diversi impianti serricoli scoperchiati dal forte vento, in particolare a Sarno e San Marzano. Coldiretti Salerno sta monitorando la situazione con i suoi tecnici per la stima dei danni. La situazione più critica si segnala a Laviano dove sono straripati i Valloni, bloccando la viabilità provinciale e rurale. Al momento numerose strade risultano chiuse al traffico. Sono intervenuti anche i trattori per sgomberare le strade dai detriti. Allagate tre aziende zootecniche, completamente sott'acqua le aziende orticole della zona in località Lepre, Ogliara, Toppo. «I nostri tecnici sono al lavoro per la valutazione dei danni e per l'assistenza alle aziende agricole», rassicura il direttore di Coldiretti Salerno Enzo Tropiano. 
 

Video

Ultimo aggiornamento: 19:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA