Fotografo-rapinatore in Campania,
D'Elia incastrato dopo il raid

di Carmen Incisivo

  • 43
La prima rapina l'avrebbe fatta perché aveva bisogno di denaro, probabilmente per sistemare questioni personali. Le successive invece, perché aveva provato un'adrenalina di cui non avrebbe saputo più fare a meno. È pressappoco questa l'ipotesi formulata dagli agenti della Squadra Mobile che ieri hanno arrestato Giuseppe D'Elia, 36enne salernitano, sospettato di aver compiuto almeno sei rapine tra Battipaglia, Pontecagnano Faiano, Salerno e Cava de' Tirreni. Incensurato, fotografo per passione e, occasionalmente, per professione, D'Elia sarebbe il rapinatore seriale che nelle ultime due settimane ha fatto tremare Salerno e alcuni Comuni della provincia, mettendo a segno diverse rapine ai danni di diverse attività commerciali, principalmente supermercati. Il primo episodio che poi sarebbe quello che ha dato il via all'escalation di fatti criminali è quello di piazza Portanova: il 29 luglio scorso fu preso d'assalto il tabacchi della piazza dove furono trafugati circa 2mila euro in contanti. Poi sono seguiti almeno altri cinque colpi, tutti contraddistinti dallo stesso modus operandi, definito dalle forze dell'ordine scrupoloso, ragionato e mai casuale.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 14 Agosto 2019, 10:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP