Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Podista morto nel dirupo di Eboli,
l'autopsia chiarirà cause e responsabilità

Martedì 28 Giugno 2022 di Paolo Panaro
Podista morto nel dirupo di Eboli, l'autopsia chiarirà cause e responsabilità

Sarà effettuata mercoledì pomeriggio l’autopsia del cadavere di Francesco Gioviale, medico podista 47enne salernitano, che sabato pomeriggio ha perso la vita cadendo in un dirupo mentre stava partecipando alla gara “Trail dei Monti Ebolitani”.

L’esame autoptico è indispensabile per appurare le cause del decesso. Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore di Salerno, Maria Chiara Minerva e sono eseguite dai carabinieri della compagnia di Eboli, agli ordini del capitano Emanuele Tanzilli. Gli investigatori ritengono che si sia trattato di un episodio accidentale e non è escluso che il podista abbia sbagliato il percorso finendo poi in una zona impervia tra le colline ebolitane e scivolando nel profondo dirupo. Il cadavere dell’atleta, che era tesserato della società Isaura Valle dell’Irno, è stato trovato a trenta metri dal sentiero che stava percorrendo. Le ferite riportate dal podista sono compatibili con la caduta nel burrone. Le ricerche del podista sono scattate sabato sera subito dopo che tutti gli atleti hanno tagliato il traguardo. All’appello mancava Gioviale che dopo una notte intera di ricerche, domenica mattina, è stato trovato in fondo al dirupo. Bisognerà appurare i motivi della caduta. Del resto Gioviale era un podista molto esperto ma sembra che abbia perso l’orientamento e addirittura abbia sbagliato percorso e poi è precipitato nel dirupo. Non sono stati emessi avvisi di garanzia e i carabinieri avrebbero già verificato che nei tratti più pericolosi, come prevedono le norme, gli organizzatori hanno segnalato le zone impervie. Sarà difficile scoprire il motivo per cui il podista è caduto nel dirupo tenuto conto che non ci sono testimoni che hanno assistito all’infortunio. Potrà solo essere accertato se un malore ha provocato la caduta del podista nel burrone.

Video

«Speriamo che venga fatta chiarezza su questo episodio». A scriverlo sui social gli amici dell’atleta, che era anche un esperto informatico, e che attendono i risultati delle indagini. I carabinieri hanno ascoltato gli organizzatori dell’evento sportivo per ricostruire l’episodio ed ovviamente anche i familiari di Gioviale attendono l’evolversi delle indagini e che vengano appurate le cause del decesso. Sul percorso del “Trail dei Monti Ebolitani” non ci sono telecamere e quindi per gli investigatori è ancora più difficile accertare il motivo della caduta dell’atleta nel dirupo. Ovviamente, gli inquirenti appureranno se sono state adottate tutte le misure di sicurezza per evitare incidenti. Non è escluso che venga nominato un pool di periti per effettuare altri accertamenti sul posto, nella zona dove è avvenuto l’infortunio.

Ultimo aggiornamento: 11:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA