Scacco alla gang dei falsi poliziotti:
otto arresti da Milano a Salerno

Giovedì 25 Luglio 2019
Indossavano cappellini, pettorine della polizia e avevano con loro anche manette per le rapine i nove (due sono irreperibili) catturati dagli agenti del commissariato Scalo Romana della Questura di Milano. Otto sono stati presi nel Milanese, uno a Salerno.

Il gruppo era già stato indebolito dall'arresto in flagranza di sei componenti, bloccati nell'abitazione di un marocchino nel comune di San Giuliano Milanese. In quell'occasione, avevano ammanettato la vittima ad una sedia e stavano simulando una perquisizione alla ricerca di denaro o droga; l'intervento dei poliziotti aveva portato a sequestrare una pettorina originale della «Polizia di Stato», una pistola a gas, manette del tutto simili a quelle in uso alle forze di polizia e un capellino con la scritta «Polizia di Stato». Per quell'episodio i sei sono già condannati in primo grado dal Tribunale di Lodi, competente per territorio.

L'ordinanza eseguita stamani riguarda invece due rapine commesse nel marzo 2018. La prima messa a segno con un finto controllo a tre egiziani fermati a bordo della loro auto lungo la via Gratosoglio; uno dei rapinatori era salito a bordo dell'auto delle vittime ed era fuggito seguito dai suoi complici. Nel veicolo due valigie con 100mila euro, provento di illecite attività. La seconda rapina a San Donato milanese ai danni di un pluripregiudicato marocchino. Gi arrestati si erano qualificati militari della Guardia di Finanza di cui indossavano pettorine originali. Anche in questo caso l'avevano ammanettato e lasciato in un seminterrato. Il bottino era stato di 40mia euro e di un chilogrammo di cocaina. Gli arrestati 'studiavanò le vittime, per lo più pregiudicati, nella speranza non denunciassero e applicavano alle loro auto dei rilevatori Gps. Ultimo aggiornamento: 16:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA