Il Giffoni Film Festival
riparte da 50 film in gara

Mercoledì 8 Luglio 2020
L'attesa è finita. Il «Giffoni Film Festival» è pronto a ripartire per celebrare i 50 anni dell 'evento che ha reso Giffoni Valle Piana celebre nel mondo come la città del cinema per ragazzi. Prestigio confermato dai titoli dei 50 film in gara nelle prime due tranche del festival. Saranno 33 (14 lungometraggi e 19 cortometraggi) le opere in gara durante il primo periodo, in programma dal 18 al 22 agosto e riservato a 200 giurati della sezione Generator +16 (dai 16 ai 17 anni) e 105 ragazzi della categoria Generator +18 (dai 18 anni in su). 14 (sette lungometraggi e altrettanti cortometraggi) i titoli previsti nella seconda tranche del festival, che si svolgerà dal 25 al 29 agosto alla presenza di 305 giurati della sezione Generator +13 (dai 13 ai 15 anni). I fllm trattano tematiche attuali e socialmente rilevanti quali la ricerca dell'identità, la relazione genitori-figli, la lotta per i diritti, la violenza, l'amore e la solitudine. Ma anche l'omofobia, il razzismo ed il rapporto con il diverso. Come nel caso di Schiavonea.

LEGGI ANCHE ​#Giffoni50 si fa in quattro: tutte le novità da agosto a dicembre

Il cortometraggio di Natalino Zangaro racconta la storia di un giovane che vive nella piccola comunità marittima calabrese e del suo incontro con Ayana, giovane migrante. Un incontro che cambierà la vita di entrambi. «Cuban Heel Shoes» (Spagna) di Julio Mas Alcaraz ha, invece, per protagonisti Paco e Jose, due ragazzi che vivono in un quartiere periferico di Madrid, un luogo ostile pronto a distruggere tutti i loro sogni. Circondati da un ambiente ostile i due giovani sono costretti a condurre una doppia vita per nascondere l' inizio del loro rapporto e la loro passione per il flamenco. Amore, famiglia, integrazione e conflitti interiori sono alla base di numerosi dei film in gara nelle prime due fasi del GFF. «Desidero ringraziare - afferma il direttore di Giffoni Opportunity, Claudio Gubitosi - le società di produzione e distribuzione che, in un momento così complicato, hanno scelto di condividere con noi questa edizione che grida, necessariamente e con forza, al diritto alla vita del cinema e alla ripresa di questo importante settore dell'economia culturale mondiale. Giffoni 50 sostiene il mondo della creatività del quale il cinema è pilastro fondamentale e, oggi ancor di più, sta vicino alle generazione di ogni latitudine».

 

Dopo le due sezioni di agosto, la terza è in programma tra settembre e novembre e sarà dedicata agli hub europei, alle nuove masterclass, al tour in Italia per il cinquantennale, alla produzione del film per i 50 anni del GFF, ai progetti di innovazione e alle Creative Weeks, a cui prenderanno parte rettori, direttori di dipartimento e docenti delle principali Università. Dicembre (dal 26 al 30), sarà infine l'occasione per riunirsi con 900 «giffoners» e le loro famiglie. Ultimo aggiornamento: 16:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA