CORONAVIRUS

Addio al 14enne suicida a Salerno,
il suo liceo si ferma simbolicamente

Martedì 12 Maggio 2020 di Carmen Incisivo

Ieri pomeriggio sono state decine le persone che si sono fermate nel luogo della tragedia, scrutando i balconi della zona e facendosi, poi, il segno della croce per l’ennesimo giovanissimo andato via troppo presto. Si chiamava Simone Fierro e frequentava il primo superiore presso il liceo scientifico “Francesco Severi” nella zona orientale. È lui il 14enne che nella serata tra domenica e lunedì è volato giù dal balcone dell’appartamento dove viveva con la sua famiglia, al sesto piano di uno dei moltissimi palazzi che affacciano su Viale Kennedy a Santa Margherita. Sull’accaduto – al netto della conferma che si sia, purtroppo, trattato di un suicidio – i carabinieri della Compagnia di Salerno mantengono il più stretto riserbo. È un momento molto difficile: è già il secondo ragazzino che, in poco più di dieci giorni, sceglie di farla finita lanciandosi nel vuoto. Prima di lui, lo scorso 29 aprile, c’è stato il 13enne Riccardo Pastore che abitava in via Monti in centro e frequentava la scuola media “Tasso”. 

Simone si sarebbe tolto la vita dopo aver avuto un alterco in famiglia, pare per questioni relative alla scuola. Simone era figlio unico, suo padre Maurizio lavorava all’Asis. Dopo essere stata rimossa dal luogo in cui ha impattato il suolo, la salma è stata portata all’obitorio dell’ospedale San Leonardo da dove partirà questa mattina per il rito funebre. Alle 11.30 il corteo funebre stazionerà presso la chiesa di Santa Margherita, a pochi passi da quella che è stata la sua casa per poi proseguire verso il cimitero di Battipaglia dove sarà tumulato. Proprio in quei minuti anche il liceo “Severi” si fermerà simbolicamente per salutare quel giovane studente ricordato come simpatico e volenteroso.

Ultimo aggiornamento: 08:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA