Fumi sospetti dai camini: sigilli al primo impianto di cremazione della Campania

di Vita Salerno e Angela Trocini

Sigilli, da parte dei carabinieri del Noe, al crematorio di Montecorvino Pugliano. Lunedì mattina i militari del nucleo operativo ecologico, con il supporto logistico dei colleghi della compagnia di Battipaglia, hanno eseguito il provvedimento per verificare l'eventuale esistenza di fumi inquinanti e il corretto smaltimento dei rifiuti: evidentemente gli investigatori vogliono capire fino in fondo dove e come vengono trattate le ceneri. E, ancor prima, le salme che accedono nell'impianto. Non è escluso che, durante l'ispezione del Noe, sia stato verificato il funzionamento dei filtri: molte delle persone che abitano nelle vicinanze, infatti, affermano che di tanto in tanto dai camini fuoriesca fumo nero e che solo dopo un po' i fumi si chiarifichino. Diverse sono le possibili cause di queste emanazioni, non necessariamente dovute a malfunzionamenti gravi o irregolarità della procedura.

In seguito al blitz di lunedì l'impianto, ubicato in località Gallara nel perimetro del cimitero comunale, ha continuato a funzionare fino alle 17 di martedì (evidentemente per smaltire il lavoro già programmato) poi più nulla. I cittadini di Montecorvino Pugliano, nella giornata di ieri, non hanno visto alcun fumo levarsi dai camini dei tre forni presenti nell'impianto di cremazione. Tutto ciò, forse, per consentire ai gestori di mettersi in regola. Un anno fa era stato il sindaco Gianfranco Lamberti, alcuni mesi dopo l'insediamento a palazzo di città, a chiedere agli organi preposti la verifica di tutte le procedure tese a tutelare il rischio di inquinamento ambientale e le modalità di esecuzione del processo di cremazione: nella lettera, che il sindaco inviò ad Asl, Arpac, Prefettura, Procura e Noe, si specificava l'intensa attività di incinerazione e la preoccupazione di molti residenti allarmati dalle «cospicue emissioni di fumi densi e nerastri».

Del resto nel crematorio di Montecorvino Pugliano, come stimato dal Comune, ci sarebbe un flusso di circa 12 mila salme all'anno essendo l'impianto tra i pochi presenti nel sud Italia (nella nostra regione ci sono anche quelli a Cava dei Tirreni ed Avellino) con arrivi quindi da ogni parte. Anche la salma del cantautore Pino Daniele è stata cremata a Montecorvino Pugliano.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 30 Novembre 2017, 09:10 - Ultimo aggiornamento: 30-11-2017 15:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP