Immigrato occupa abusivamente
la casa del delitto delle Fornelle

Domenica 28 Giugno 2020 di ​Carmen Incisivo
L’abitazione nella quale il 26 febbraio del 2016 venne brutalmente ucciso Eugenio Tura De Marco era stata abusivamente occupata e torna nelle disponibilità del Comune di Salerno che, adesso, potrà darla a chi me ha bisogno. È quanto avvenuto a seguito di un’operazione portata avanti dai militari della compagnia dei carabinieri di Salerno, diretta dal maggiore Adriano Fabio Castellari, che nella mattinata di venerdì – nel corso di più diffusi controlli all’interno del centro storico della città – hanno effettuato lo sgombero dell’immobile nel quale, ormai da qualche tempo, viveva abusivamente un cittadino extra comunitario. La segnalazione era stata inoltrata alle forze dell’ordine e i controlli disposti in quell’area, con un’altissima densità abitativa e numerose difficoltà di controllo, hanno consentito di appurare che era in atto un’occupazione abusiva.

Venerdì mattina i militari si sono recati sul posto, hanno bussato alla porta e hanno disposto lo sgombero immediato di quei locali. Il cittadino extra comunitario che si era stabilito all’interno della casa dell’omicidio delle Fornelle, è stato denunciato per invasione di edificio, come previsto dall’articolo 633 del Codice penale. Assieme al personale dell’ufficio manutenzione del Comune di Salerno, intervenuto sul posto a supporto dei militari, l’abitazione del centro storico è stata sigillata per evitare che si verifichino ulteriori occupazioni abusive. Ultimo aggiornamento: 09:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA