Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Imprenditore di Nocera morto
in incidente in vacanza, 21enne indagata

Sabato 13 Agosto 2022 di Nicola Sorrentino
Imprenditore di Nocera morto in incidente in vacanza, 21enne indagata

NOCERA INFERIORE. Per la morte dell'imprenditore Andrea Di Florio, in Sardegna, è indagata per omicidio stradale una ragazza di 21 anni di Cagliari, coinvolta nel sinistro di qualche giorno fa, lungo la provinciale 59 ad Arzachena, in Sardegna, dove la vittima era in vacanza. La ragazza guidava una Fiat Punto e avrebbe invaso la corsia opposta della strada. Questo, secondo i rilievi della polizia municipale.

Dal lato opposto arrivava il Suv della Mercedes condotto da Di Florio con a bordo la figlia e una coppia di amici, di rientro dall’aeroporto di Olbia. Il Suv, pur essendo in prossimità di una curva, era riuscito ad evitare la Punto, ma la macchina aveva toccato la parte posteriore della fiancata, lato conducente, facendolo capovolgere più volte. Il 63enne nocerino era morto sul colpo, forse schiacciato tra vetro e airbag. Due degli occupanti della Mercedes sono rimasti feriti e dimessi poi dal pronto soccorso. Un'altra donna, invece, aveva riportato una frattura alla spalla. Per lei sarà necessario l'intervento chirurgico. Ieri mattina è stata eseguita l'autopsia all’ospedale Giovanni Paolo II di Olbia, su disposizione della Procura di Tempio Pausania, che coordina le indagini.

Saranno novanta i giorni di attesa utili a conoscere le cause precise del decesso. Non è esclusa la nomina di un perito per ricostruire la dinamica dell'incidente. Tanti i messaggi di cordoglio per Di Florio, conosciuto a Nocera Inferiore ma anche a Castel San Giorgio, in quanto amministratore di un'azienda che produce casse in polipropilene per l'imballaggio di frutta e verdura. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA