Circolo Canottieri, nuova palestra
e progetto contro il tumore al seno

Atleta in gara del Circolo dei Canottieri di Salerno
Atleta in gara del Circolo dei Canottieri di Salerno
di Antonella Santoro
Venerdì 7 Ottobre 2022, 17:39
4 Minuti di Lettura

Sport e salute per ricordare l’indimenticato presidente Almerico Tortorella: domani alle 11, al Circolo dei Canottieri di Salerno, verrà presentata la nuova palestra dedicata al medico che ha lanciato la sanità privata cittadina. In tale sede, infine, verrà dato il “via” al “Progetto Trotula” per le donne affette da tumore al seno. Suggestive le parole del Governatore della Campania Vincenzo De Luca: “Desidero rivolgere al Vostro sodalizio, che fa parte della storia non solo sportiva della nostra città, l’apprezzamento per la decisione presa dal Consiglio direttivo di intitolare la palestra del Circolo Canottieri al compianto Almerico Tortorella, indimenticabile e indimenticato Presidente, ma soprattutto uomo di grande umanità, che ha amato la sua città, e al quale mi hanno legato sinceri sentimenti di amicizia e rispetto.

Video

Ai familiari il mio affettuoso saluto e alla Direzione del Circolo l’augurio di nuovi e prestigiosi traguardi, nel nome e nel ricordo indelebile di Almerico Tortorella”. Ad unirsi al suo ricordo anche il Sindaco di Salerno Vincenzo Napoli: “Esprimo l'apprezzamento mio personale e della Civica Amministrazione al Presidente Giovanni Ricco ed al Circolo Canottieri Irno di Salerno per l'intitolazione della palestra ad Almerico Tortorella. È una nobile decisione che onora la memoria di un membro illustre della nostra comunità. Almerico Tortorella è stato un medico competente ed apprezzato per la sua umanità. Ha contribuito al progresso della medicina e delle cure con una passione civile ineguagliabile sempre avendo a cuore il paziente e la sua salute. Meritoria anche l'attività sportiva che ha permesso al sodalizio di conquistare tanti allori. Questa intitolazione è un atto di amore e gratitudine per un uomo speciale ed indimenticabile che ha onorato il Circolo Canottieri Irno e la nostra amata Salerno”. A parlare del “Progetto Trotula” l’attuale presidente del Circolo dei Canottieri Gianni Ricco: “Lo Sport è una forma di terapia integrata, in questo caso destinata alle donne che si ammalano di tumore alla mammella e che ogni anno sono oltre 55 mila in Italia”. “Praticare uno sport – continua - può essere considerato un farmaco che in alcuni casi riduce il rischio di recidiva, alleviando gli effetti collaterali delle terapie anti-tumorali ed agendo sull’ansia e sulla percezione del dolore. Studi approfonditi hanno dimostrato che il canottaggio, in particolare, è un valido supporto nel recupero di braccia e tronco con vantaggi anche nel caso di gravi neoplasie in pazienti che hanno mantenuto un buono stato generale di salute. Vogare, infatti, aiuta il recupero e riduce il rischio di linfedema, il rigonfiamento delle braccia a volte legato alla rimozione dei linfonodi. È per questa ragione che il Circolo Canottieri Irno di Salerno ha deciso di implementare, presso la propria struttura, corsi gratuiti di canottaggio per le donne che hanno vinto la lotta contro il tumore alla mammella, ma che necessitano, in un momento così delicato della loro vita, di recuperare l’equilibrio psicofisico. Saranno seguite da un team di esperti professionisti, che darà loro la spinta a rinascere e ritrovarsi”.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA