International Cilento Film Festival,
​il successo di Capaccio Paestum

International Cilento Film Festival, il successo di Capaccio Paestum
di Antonella Santoro
Domenica 18 Settembre 2022, 21:04
5 Minuti di Lettura

Serata finale della seconda edizione dell'International Cilento Film Festival, l'evento del cinema che “parla” di Cilento e nato dall’indovinata intuizione dell’Associazione Cinematografica del Cilento, realtà che da anni sostiene e promuove la bellezza del territorio come punto di riferimento per gli operatori del cinema e degli audiovisivi. Fortemente voluto dal presidente Gerardo Falce e dal consigliere e regista Alfonso Della Rocca, grazie al supporto di Francesca Matonti, Claudio Paffetti e Roberta Budicin, la seconda edizione ha registrato un grande successo. A sostenere l’evento anche l’Associazione UniInStrada presieduta dal professore Rino Cuccurullo. 

La quinta e ultima serata si è svolta all'Hotel Minerva di Capaccio Paestum (causa maltempo) ed è stata una festa del cinema più che un festival. Lo ha ribadito anche il direttore artistico, l'attore Massimo Bonetti che ha dato appuntamento al 2023: «Questa edizione é la prima edizione effettiva - ha detto - perché è stato assegnato il Premio Melograno 2022. Il premio ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per diventare un appuntamento importante da rinnovare ogni anno». 

La serata è stata condotta dal giornalista Sky Alessio Viola ed erano presenti alcuni dei nomi più prestigiosi del cinema italiano come Pupi Avati che ha dimostrato da subito grande affetto per il Festival. «Nella mia vita - ha detto il pluripremiato regista, produttore, sceneggiatore e scrittore - ho partecipato a moltissime manifestazioni dedicate al mondo del cinema ma posso dire che qui finalmente sento rivivere il cinema vero». Avati ha dispensato anche consigli utili ai giovani che vogliano intraprendere la carriera nel cinema. «Si avverano solo i grandi sogni, quelli per i quali mettete tutta la passione. Non ha mai avuto successo il piano B. Lottate per il piano A».

Sergio Castellitto che ha voluto ricordare il suo profondo legame con il Cilento, terra che ha conosciuto e amato in occasione delle riprese del film dedicato ad Angelo Vassallo, sindaco di Pollica interpretato proprio da lui, che fu ucciso nel 2010. Nelle precedenti serate presenti anche Lello Arena e Giancarlo Giannini, protagonisti di un tributo emozionante a Massimo Troisi, Francesco Baccini, Andrea Roncato e il Mago Silvan.

Hanno testimoniato il loro impegno per il sociale Gigi e Ross. L'amato duo comico ha realizzato un corto per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla necessità della prevenzione per combattere il melanoma. 

Alla serata ha partecipato anche don Roberto Faccenda, responsabile della Pastorale Giovanile della Diocesi Salerno-Campagna-Acerno che ha sottolineato quanto sia fondamentale per i giovani guardare al presente anche attraverso le immagini dei film.

Era presente anche l'attrice Maddalena Ischiale, diretta da Angelina Jolie in una pellicola del 2014.

Sul palco anche le esibizioni di Carmine del Grosso e Vincenzo Comunale. Particolarmente coinvolgente il momento finale della serata affidato alle splendide voci dei tre soprani del trio Appassionante che hanno brindato al cinema a ritmo del “Libiamo nei lieti calici” della Traviata di Verdi. 

Grande soddisfazione per Gianni Pagliazzi, general manager dell'International Cilento Film Festival: «Per noi è stata una grande emozione - ha detto al termine della serata finale - ringrazio tutte le istituzioni, i privati, l'hotel, la gente del luogo ma anche tutti quelli che hanno aiutato in questo progetto a partire dai collaboratori diretti fino ai tanti del territorio che si sono messi a disposizione. Aggiungo che tutto questo senza il sostegno del comune di Capaccio Paestum sarebbe stato impossibile quindi il mio grazie di cuore va al sindaco Franco Alfieri. Ci vediamo l'anno prossimo».

«Come ho già avuto modo di dire - ha dichiarato Franco Alfieri, sindaco di Capaccio Paestum - il Comune di Capaccio Paestum ha creduto nell’International Cilento Film Festival e voluto quindi dare fiducia all’Associazione Cinematografica del Cilento. Oggi, alla luce del successo che la manifestazione ha ottenuto, possiamo dire che le fiducia è stata ben riposta».

Grandi emozioni anche per Maria Antonietta Di Filippo, vicesindaca e assessore alla cultura di Capaccio Paestum. «Nei piani e nell’attività della nostra amministrazione la cultura occupa uno spazio centrale - ha detto in chiusura di serata - Non a caso la nostra Città è finalista, con l’Unione dei Comuni Paestum Alto Cilento nel concorso per Capitale italiana della Cultura 2024. La nostra politica mira a differenziare tra i vari campi della cultura e dell’arte, dalla musica alla letteratura, dalla pittura alla scultura, dalla danza al teatro. Ebbene, anche il cinema è uno dei settori sui quali vogliamo puntare, consapevoli dell’importante ruolo educativo, oltre che sociale, che è in grado di svolgere. Dunque, siamo intenzionati a portare avanti la bella collaborazione nata per l’International Cilento Film Festival con l’Associazione Cinematografica del Cilento». 

Il territorio dunque grande protagonista. Presenti al Gala finale anche il sindaco di Castellabate, Marco Rizzo, il primo cittadino di Controne, Ettore Poti e il presidente della Fondazione Mida per le Grotte di Pertosa Auletta, Sabrina Capozzolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA