«Io uccido», minaccia l'ex moglie
con i libri di Faletti: preso stalker

Venerdì 31 Agosto 2018 di Pasquale Sorrentino
BUONABITACOLO - I carabinieri della compagnia di Sala Consilina guidato dal capitano Davide Acquaviva hanno dato esecuzione alla misura cautelare del divieto di dimora nel comune di residenza dell’ex moglie nei confronti di un 58enne del Vallo di Diano, indagato per atti persecutori, al quale, già nello scorso mese di maggio, era stato fatto divieto di avvicinarsi alla ex coniuge. L’ulteriore misura cautelare a carico dell’uomo scaturisce dall’accertamento, da parte dei militari della stazione di Buonabitacolo, che hanno condotto le indagini, di più violazioni alle prescrizioni già impostegli. È il caso dell’uomo che minacciava anche in modo particolare. Usando dei libri. Infatti a inizio anno, intorno a una abitazione di Buonabitacolo sono stati ritrovati i libri thriller di Giorgio Faletti: “Io uccido”. Un ritrovamento quanto meno particolare nei pressi della casa di una donna che – secondo quanto emerso nel corso delle indagini da parte dei carabinieri – è da collegare a un uomo che la stava perseguitando. Ovvero il suo ex marito. Quattro o cinque libri tutti con lo stesso titolo. Questo a maggio. Il provvedimento scaturì dalle indagini, condotte dalla stazione di Buonabitacolo guidata dal maresciallo Mirabello, in seguito delle denunce presentate all’Arma dall’ex moglie dell’uomo. Ora il nuovo provvedimento più gravoso. © RIPRODUZIONE RISERVATA