C'è il killer del cagnolino Chicca
tra i pusher arrestati a Salerno

Martedì 24 Settembre 2019 di Angela Trocini

C’è anche Antonio Fuoco tra gli arrestati dell'operazione anti-droga effettuata ieri a Salerno. Fuoco è una vecchia conoscenza delle forze dell’ordine sia perché è stato arrestato nel blitz di luglio 2017 contro i parcheggiatori abusivi sia perché a febbraio di due anni fa, a Pastena, uccise Chicca, una cagnolina di circa 6 mesi a calci. Un episodio che scosse la città.
 


E lo scorso mese di aprile è stato anche condannato in abbreviato ad un anno e nove mesi per maltrattamento ed uccisione di animali: nella motivazione di quella sentenza, il giudice del Tribunale di Salerno, Paolo Valiante, ha anche spiegato il motivo del non riconoscimento a Fuoco delle circostanze attenuanti generiche «per i gravissimi e numerosissimi precedenti penali, indici della sua inclinazione a delinquere e quindi della pericolosità sociale». Fuoco ha trascorso moltissimi anni in carcere, condannato per droga, associazione, lesioni personali ed anche per omicidio volontario e violenza sessuale. 

 

Ultimo aggiornamento: 12:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA