Lei fugge in Russia con la figlia,
il marito la fa condannare

di Pasquale Sorrentino

Ancora una volta un bambino diventa l'oggetto - è purtroppo il termine da usare - di una lite tra moglie e marito. E ancora una volta la vicenda ha aspetti internazionali. Si tratta della storia di sottrazione di minore all'estero da parte di una donna russa nei confronti del marito valdianese, di Sala Consilina per l'esattezza. La bambina ha due anni, è nata in Italia e ha la doppia cittadinanza. Il tutto ha avuto inizio a settembre dello scorso anno quando la donna è partita per la Russia per visitare i parenti. Un viaggio lunghissimo verso gli Urali. Dopo circa un mese, quindi a ottobre, la donna ha fatto sapere al marito che non sarebbe tornata in Italia. Inoltre - stando a quanto denunciato dall'avvocato del marito - la donna avrebbe chiesto i soldi per far vedere la bambina.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 8 Febbraio 2019, 11:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP