Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Muore a 15 anni per una rara malattia,
Pagani saluta il piccolo Genny

Venerdì 19 Agosto 2022 di Nicola Sorrentino
Muore a 15 anni per una rara malattia, Pagani saluta il piccolo Genny

PAGANI. In tanti, ieri, hanno voluto porgere l'ultimo saluto a Gennaro Abruzzese, il ragazzo di Pagani di 15 anni morto a causa di una lunga malattia. Una città a lutto, provata dal dolore di una tragedia, per la perdita di un caro ragazzo, ben voluto da tutti. Il giovane aveva combattuto una battaglia dura, durissima, con il supporto dei suo cari. Fino all'ultimo. Ai funerali celebrati nella Basilica di Sant'Alfonso c'erano parenti e amici, così come l'associazione "Amici di Genny", la Onlus che non ha mai fatto mancare al ragazzo il proprio supporto.

Era stato il sindaco di Pagani, Raffaele De Prisco, molto vicino alla fiamglia di Gennaro, ad annunciare il suo decesso mercoledì mattina: «Gennaro Abbruzzese ci ha lasciato oggi dopo una lunga ed estenuante battaglia, che ha combattuto con coraggio e con la forza dei suoi cari, che fino all'ultimo con fede lo hanno sostenuto. Con dolore ci stringiamo alla famiglia e preghiamo con loro. Fino alla fine, Genny non ci hai sottratto il tuo sorriso. Grazie Angelo Guerriero per l'insegnamento che ci hai lasciato con la tua giovane vita. A Dio».

Ieri mattina, a Pagani, in tanti si sono stretti intorno alla famiglia, con fiori, striscioni e palloncini per salutare il piccolo Gennaro. Tra le sue passioni il calcio, l'amore per la Paganese e per il Napoli, di cui era tifoso. Il suo idolo, Lorenzo Insigne, lo aveva conosciuto proprio a Bologna, quando era ricoverato in ospedale. Toccante, tra i tanti, il messaggio del suo medico curante: ««È stata una battaglia grossa e durissima che abbiamo combattuto insieme per cinque anni e che, purtroppo, alla fine abbiamo perso. Riposa in pace angelo di Dio. Non ti dimenticherò mai».

© RIPRODUZIONE RISERVATA