Nino Savastano arrestato a Salerno:
mazzette in cambio di appalti,
indagato anche il sindaco Napoli

Lunedì 11 Ottobre 2021
Nino Savastano arrestato a Salerno: mazzette in cambio di appalti, indagato anche il sindaco Napoli

Il consigliere regionale Nino Savastano è stato arrestato a Salerno nell'ambito di un'inchiesta della Procura della Repubblica per tangenti e appalti. Consigliere regionale di Campania Libera, già assessore alle politiche sociali del Comune di Salerno e fedelissimo del governatore De Luca, Savastano è agli arresti domiciliari. 

Dieci le ordinanze di custodia cautelare disposte dal gip del Tribunale di Salerno, 29 gli indagati compresi presidenti di società cooperative sociali e pubblici ufficiali responsabili, a vario titolo, di turbata libertà degli incanti, induzione indebita, associazione per delinquere e un caso di corruzione elettorale. 

Tra gli arrestati ci sono anche il presidente di una cooperativa sociale, Fiorenzo Zoccola, e il dirigente del settore Ambiente del Comune di Salerno, Luca Caselli. Nei confronti degli imprenditori di fatto titolari delle cooperative è stato invece disposto il divieto di dimora nel comune di Salerno. 

Tra gli indagati, invece, spicca il nome del sindaco di Salerno Enzo Napoli, fresco vincitore delle elezioni appena sette giorni fa. «Esprimiamo piena fiducia nell'azione della magistratura e attendiamo sereni gli esiti dell'inchiesta che ci auguriamo facciano rapidamente piena luce sui fatti contestati», dice in una nota Napoli.

Ultimo aggiornamento: 16:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA