Vallo di Diano, rivolta sul web contro gli accampamenti nomadi

Mercoledì 20 Agosto 2014 di Pasquale Sorrentino
Vallo di Diano, rivolta sul web contro gli accampamenti nomadi
POLLA. Numerosi cittadini di Polla e Sant'Arsenio stanno protestando soprattutto sui social network contro le continue soste di nomadi nei pressi della zona di Campeglia, localit al confine tra i due paesi. La zona di campagna a diverse centinaia di metri da zone abitate da qualche anno diventata sede di soste di camper e roulotte di popolazioni nomade. Le denuncia riguardano lo stato dell'area dopo l'abbandono della carovana. «Abbiamo trovato il terreno distrutto e buste dell'immondizia ovunque», denuncia un uomo di Sant'Arsenio. La zona, nei pressi del fiume Tanagro, è anche molto frequentata dai podisti. Uno di loro denuncia. «Correvo con mia moglie e mi sono trovato almeno tre di loro che, senza fregarsene di noi, stavano facendo i loro bisogni». In correlazione a queste proteste arriva un'ordinanza del sindaco di Polla, Rocco Giuliano, che vieta la sosta di carovan di nomadi o campeggiatori in tutto il territorio pollese «per assenze di strutture che possono ospitare camper e roulotte e quindi per ragioni igienico saniatarie». Sul gruppo di Facebook, «vigiliamo sul Comune di Sant'Arsenio" sono state "postate» alcune foto dei rifiuti dopo la sosta di una decina di camper di nomadi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA