Scatta l'ordinanza antiprostitute,
multato appena finito il rapporto

di Paolo Panaro

Fioccano le prime contravvenzioni per i clienti delle prostitute sul litorale ebolitano. Da due giorni il primo cittadino di Eboli ha emesso un’ordinanza antiprostituzione che prevede contravvenzioni per gli automobilisti che si fermano lungo la strada provinciale 175 a contattare le lucciole. In meno di quarantotto ore gli agenti della polizia municipalehanno “pizzicato” tre automobilisti clienti di prostitute. Le multe elevate nei confronti dei tre automobilisti ammontano ognuna a 500 euro. «In poche ore dall’ordinanza antiprostituzione – dice il delegato alla sicurezza Giuseppe La Brocca – gli agenti della polizia municipale hanno multato tre clienti. Addirittura, uno dei clienti è stato controllato dai vigili urbani e i multato per 500 euro al termine di un rapporto sessuale». L’obiettivo dell’amministrazione Cariello è quello di “colpire” i clienti delle prostitute per far scemare il fenomeno della prostituzione sul litorale ebolitano. Da quattro anni il sindaco emette specifiche ordinanze antiprostituzione per scoraggiare i clienti delle lucciole. «Le normative nazionali contro la prostituzione sono blande – dice Cariello – pur intensificando i controlli antiprostituzione con le forze dell’ordine e la polizia municipale che hanno sempre portato ad ottimi risultati con la denuncia delle prostitute e al loro allontanamento, poi ce le siamo ritrovate dopo pochi giorni nuovamente in litoranea. Ho deciso quindi di emettere l’ordinanza per far scemare i clienti: non essendoci più clienti le prostitute si allontaneranno dal nostro litorale». Cariello ribadisce anche che una pattuglia della polizia municipale sarà fissa in litoranea in modo tale da poter multare chi non rispetta l’ordinanza. 

Intanto, nonostante le prime contravvenzioni per i clienti delle prostitute molte lucciole sono ancora in litoranea. Ieri pomeriggio, verso le 17 tra il litorale di Eboli e di Battipaglia c’erano una decina di donne ma non c’erano clienti. 
Venerdì 19 Aprile 2019, 06:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP