Elezioni Ordine Avvocati Salerno,
Agosto fa appello contro Montera

di Petronilla Carillo

Un intervento immediato ed urgente del Consiglio nazionale forense. È quanto chiede, con una lettera ufficiale, Oreste Agosto, candidato alla presidenza del Consiglio dell’Ordine degli avvocati con la sua lista «Avvocatura indipendente». La richiesta arriva all’indomani della notizia, giunta da Catania, che darebbe il via libera alla ripresentazione di Americo Montera. Infatti la commissione elettorale del Consiglio dell’ordine degli avvocati di Catania, sulla scorta di un parere reso dal professor Agatino Cariola, ordinario di diritto costituzionale presso l’università di Catania, ammette tutti i candidati alle elezioni, compresi quindi anche i consiglieri uscenti candidati con due o più mandati pregressi consecutivi. Un parere che, di fatto, spazzerebbe via i paletti posti da una sentenza delle sezioni unite della Corte di Cassazione e che sancisce l’ineleggibilità di coloro i quali abbiano già ricoperto due mandati consecutivi.

Quella che si preannuncia una dura battaglia sul filo del diritto a livello nazionale, a Salerno sembrerebbe invece essere diventata una competizione di ben più ampio respiro in quanto anche legata alla successiva tornata elettorale per il rinnovo degli organi della Camera penale. 

«L’intervento del Consiglio nazionale Forense è ormai necessario per “ricordare” alle commissioni elettorali, in corso di formazione, di applicare la sentenza della Cassazione. Lo stesso consiglio circondariale di Salerno ha il dovere di rispettare la sentenza e la legge, che gli attribuisce tra i propri compiti quello di garantire l’attuazione, nella professione forense, dell’articolo 51 della Costituzione, in tema di elettorato sia attivo che passivo», scrive nella lettera Agosto. «È chiaro - si legge ancora - che i consiglieri in carica ineleggibili e che hanno pure presentato la propria candidatura non hanno fatto nulla, trovandosi anche in evidente conflitto di interessi. Il nostro obiettivo è di tutelare l’immagine dell’Avvocatura e di creare una coesione con tutti gli avvocati che rispettano la legge e le sentenze della Magistratura, per una serena gestione dell’ordine professionale. L’intervento del CNF è quantomai necessario anche per evitare situazioni di turbativa o inquinamento delle consultazioni elettorali e del relativo risultato e quindi per garantire una legittima rappresentatività nell’ordine forense».

Spunta un altro candidato all’Ordine contro Montera. Un’altra donna, Rosa Calella. È una candidata indipendente, senza lista. 
Domenica 6 Gennaio 2019, 06:40 - Ultimo aggiornamento: 06-01-2019 07:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP