Cilento, operaio perse un occhio:
a processo il titolare dell'impresa

di Carmela Santi

Perse un occhio mentre lavorava sulla Cilentana nel tratto franato ad Agropoli. Questa mattina presso il tribunale di Vallo della Lucania è iniziato il Processo sul caso di Carmine Ruggiero. A processo dopo le indagini della Procura, per condotte omissive il titolare dell’impresa edile Sottosuolo, Antonio Gravina, citati in giudizio come terzi garanti anche la Castaldo costruzioni e le compagnie assicurative.

«Voglio giustizia» le parole di Ruggiero, presente in aula assistito dal suo avvocato Mariano Omarto.
Oltre a Carmine Ruggiero, che ha ricostruito tutto l’accaduto fino all’incidente e ai soccorsi in ospedale, oggi in aula è stato sentito l’ingegnere dell’Asl, il quale ha precisato di non aver potuto visionare l’attrezzo che ha cagionato le lesioni all’operaio. Ciò perché le autorità si sono attivate soltanto cinque mesi dopo il fatto. «Né la Castaldo, né la Sottosuolo si sono occupate di informare le autorità dell’incidente, si sono limitate ad accompagnarlo al pronto soccorso. Quanto il Ruggiero si è accorto che nessuno si era mosso si è rivolto a me e ha sporto denuncia alle autorità», ha spiegato il legale.

Prossima udienza il 9 settembre. Nell’occasione verranno ascoltati i colleghi dell’operaio rimasto ferito.
Venerdì 11 Gennaio 2019, 18:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP