Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Picchiato da baby-gang nella movida
identificati i primi violenti a Nocera

Lunedì 8 Agosto 2022 di Nicola Sorrentino
Picchiato da baby-gang nella movida identificati i primi violenti a Nocera

Sono stati individuati diversi componenti di una banda di ragazzini che - giorni fa - in via Papa Giovanni XXIII, aveva picchiato con violenza un loro coetaneo. Il gruppo sarebbe composto da almeno una decina di ragazzini, a loro volta capeggiati da un minorenne. Il gruppo avrebbe più volte agito nelle zone della movida, prendendosela con ragazzi indifesi e colpevoli solo di voler trascorrere la serata. L'ultimo episodio era stato raccontato da una donna, attraverso Facebook, che era intervenuta proprio durante il pestaggio. Con le sue parole aveva sottratto la vittima dalle grinfie dei minori violenti. Alle rimostranze della stessa, il capobranco avrebbe risposto: «Allora adesso non possiamo neanche picchiare un amico dei nostri?».

La notiiza aveva fatto il giro dei social e dei media. Le immagini dei sistemi di videosorveglianza sono stati acquisiti dagli agenti del commissariato di pubblica sicurezza di Nocera Inferiore. Gli investigatori guidati dal vicequestore Aniello Ingenito stanno procedendo alla completa identificazione del gruppo di bulli e delle vittime. La movida ad oggi, a Nocera Inferiore, sta diventando da tempo un problema per episodi di questo genere, che vanno a minare la volontà di commercianti e giovani nel voler trascorrere con spensieratezza il fine settimana. Più volte, a seguito di numerose risse, le forze dell'ordine avevano intensificato i controlli proprio lungo le zone ritenute maggiormente calde e frequentate da centinaia e centinaia di giovani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA