CORONAVIRUS

Covid center a Scafati, morto 71enne
e la figlia: «State attenti, fatelo per papà»

Lunedì 26 Ottobre 2020 di Daniela Faiella

Altri due decessi in poco più di dodici ore. È l’ultimo aggiornamento che giunge dal Covid hospital di Scafati. Precisamente dal reparto di Rianimazione dove altri due pazienti sono morti tra sabato notte e ieri pomeriggio. R. C., di Eboli, 71 anni, era giunto al “Mauro Scarlato” il 17 ottobre scorso. Affetto da fibrosi polmonare, che già in passato lo aveva costretto a ricoveri ospedalieri, era risultato positivo al Coronavirus insieme alla moglie e al figlio (entrambi ancora in isolamento domiciliare obbligatorio). Nessuno, in famiglia, ancora oggi, sa spiegarsi come abbiano contratto il virus dal momento che tutti in casa si erano sempre scrupolosamente attenuti alle norme anticontagio. Ad avere la peggio era stato proprio il capofamiglia, a causa delle sue condizioni di salute già precarie. A nulla è valso l’intervento dei rianimatori, sabato notte, quando il 71enne ha iniziato ad avere problemi respiratori. Anche lui è stato stroncato da una crisi, complicanza del virus. «Il Covid esiste - ha scritto ieri la figlia sul suo profilo Facebook - Ha colpito tutta la mia famiglia. Fatelo per papà. State attenti, non abbassate la guardia. Il Covid è una carogna, così mi dicevano i dottori… Ciao papà». 

Video

Ieri pomeriggio è deceduta un’anziana di Sarno, A.G., 89 anni, cardiopatica e dializzata. Era stata ricoverata nel reparto di Malattie infettive mercoledì scorso, ma qualche giorno dopo l’aggravarsi delle condizioni ne aveva reso necessario il trasferimento in Rianimazione. Anche l’anziana di Sarno era ritenuta dai medici un caso a rischio, per le patologie pregresse. Ieri pomeriggio il suo quadro clinico si è ulteriormente aggravato fino al sopraggiungere di una crisi respiratoria, che le è stata fatale.

 

Ultimo aggiornamento: 18:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA