Positano, sparito dopo la disco:
Nicola trovato morto in un vallone

4
  • 2925
E' stato ritrovato il corpo senza vita di Nicola Marra, il giovane napoletano di 21 anni scomparso ieri dopo una serata trascorsa in compagnia di amici in una discoteca di Positano. Dopo ore di ricerche il cadavere è stato scoperto in un vallone a poca distanza dal centro abitato.

La famiglia aveva denunciato la scomparsa del ragazzo ieri e tanti erano stati gli appelli susseguitisi in queste ore. A coordinare le ricerche i carabinieri della Compagnia di Amalfi guidati dal capitano Roberto Martina che hanno svolto ricerche via mare, terra e aria.

L'ipotesi prevalente al momento è quella di un incidente. Le operazioni di recupero del cadavere sono in corso in quanto la zona è molto impervia; per i primi soccorritori giunti sul posto il corpo sarebbe proprio quello del ragazzo. Da quanto hanno riferito gli amici che erano con lui quella sera, Nicola era in evidente stato di alterazione psicofisica per l'alcol. I militari avevano subito visionato le telecamere dove si vedeva il giovane allontanarsi, da solo e a piedi, verso le alture. Aveva lasciato in discoteca il giubbotto con dentro il portafogli e le chiavi dell'auto.
Lunedì 2 Aprile 2018, 14:48 - Ultimo aggiornamento: 03-04-2018 09:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-04-03 05:11:11
gli amici che ruolo hanno nella vicenda???? se si erano accorti che qualcosa non andava perché non lo hanno aiutato?????come sono andate veramente le cose???
2018-04-02 23:29:01
"Da quanto hanno riferito gli amici che erano con lui quella sera, Nicola era in evidente stato di alterazione psicofisica per l'alcol." E in quelle condizioni l'hanno lasciato solo? Vergogna!
2018-04-02 15:54:05
parlano tutti di incidente e di stato di alterazione dovuto all'alcool
2018-04-02 15:11:42
leggendo in rete vari siti ciascuno riporta notizie diverse, gli aggiornamenti sono tutti inattendibili, l'unica cosa e' aspettare un comunciato ufficiale da parte degli inquirenti, ormai i giornalisti sono poco affidabili.

QUICKMAP