Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il Premio Poseidonia Paestum
a Claudio Gubitosi alla carriera

Lunedì 4 Luglio 2022 di Ciro Manzolillo
Il Premio Poseidonia Paestum a Claudio Gubitosi alla carriera

Quando la poesia diventa un momento di confronto culturale, uno strumento di dibattito, l’espressione artistica che regala plurimi e variegati stati d’animo, sensazioni, passioni e sentimenti. Nella splendida cornice dell’Area Archeologica di Paestum - Tempio di Nettuno è in agenda, il 9 luglio (ore 20,30) la XXVII edizione del prestigioso Premio Internazionale di Poesia “Poseidonia Paestum”. Conferito a Claudio Gubitosi il Premio alla Carriera.

La direzione musicale è curata da Gianfranco Marra, in scena i musicisti e cantanti Paola Salurso, Vincenzo Bavuso e Gianfranco Marra, declama le liriche vincitrici Pasquale De Cristofaro.

La giuria è composta da Ermanno Corsi, presidente, giornalista Rai e scrittore, Giuseppe Funicelli, presidente del Centro Permanente per la diffusione della cultura del Lions Club Paestum, Alberto Granese, ordinario Letteratura Italiana Università degli Studi di Salerno, e Pasquale De Cristofaro, regista teatrale.

Intervengono Francesco Alfieri, sindaco di Capaccio Paestum, Tiziana D’Angelo, direttore Museo Archeologico di Paestum e Velia, e Franco Scarpino, governatore Distretto 108YA, presenta Rita Bellelli.

Video

Sezione giovani: menzione d’oro ad Alessia Marino e Giuseppe Pace, quarte Carmen Maresca e Nicole Montagna, terza Irene Elisa Marino, seconda Speranza Lucia Marino, vince Chiara Ambrosio con la silloge “Tutto ciò che siamo noi”; sezione poesia edita: menzione d’oro a Pasquale Quaglia, Luigi Salustri, quarta Carla Barbara Coppi, terza Lidia Caputo, secondo Antonio Vittorio Guarino, vince Rita Stanzione con “Da quassù (la terra è bellissima)”; Premio della critica a Elena Diomede “E Dedalo è in me”; Premio speciale della giuria “Aristide La Rocca” opera prima a Normanna Ferro “Ogni cuore è pieno di stanze” e a Mariangela Maio “Ionuda”; sezione poeti stranieri: terzo Milica Lilic, secondi Oscar Limache e Alla Melnychuk, vince Alicja Maria Kuberska “Anniversario della liberazione di Auschwitz”; sezione poesia inedita: menzione d’onore a Maurizio Albarano, Giulio Rocco Castello, Milena Cicatiello, Rita Minniti, Stefano Peressini, Laura Russo, Assunta Spedicato, Lucia Diomede, Antonio Barlotti, quarti Tiziana Monari, Giuseppe Vetromile, terzo Vittorio Di Ruocco, secondo Davide Rocco Colacrai, vince Rita Muscardin “Ancora non abbiamo scordato”; Premio speciale della giuria “Alfredo Di Marco” per la più bella lirica dedicata a Paestum ad Antonio Damiano “Il Tuffatore - nei misteri di Paestum”; Premio Paestum porta del Cilento ad Anna Maria Deo Deodato “Oltre le righe”; Premio Paestum Cilento Baronia a Gaetano Catalani “Un soffio di respiro tra la brezza”; sezione vernacolo: menzione d’onore a Luigi Lorenzo Vaira, Danila Marchi, Emilia De Vecchis, quarti Antonio Contoli, Guido De Paolis, terza Floredana De Felicibus, seconda Mara Penso, vince Stefano Baldinu “Notturnu de Terenzin”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA