Prostituta aggredita in casa da falsi clienti,
le portano via soldi e preservativi

Sabato 23 Maggio 2020 di Daniela Faiella

In attesa di ricevere uno dei suoi clienti, si vede arrivare in casa, a Scafati, tre sconosciuti incappucciati che la aggrediscono, rapinandola di soldi e preservativi. Una brutta sorpresa per una donna di circa 30 anni, di origini straniere. La malcapitata fa il mestiere più antico del mondo. Riceve a casa, su appuntamento. Qualche giorno fa la trentenne viene contattata telefonicamente da un cliente che chiede un incontro. L’appuntamento è fissato per le 20. All’ora concordata qualcuno bussa alla sua porta. Non è il cliente. Sono due individui con i volti coperti. Uno di loro ha una pistola; gliela punta contro mentre l’altro la spintona, fino a farla cadere sul pavimento. I due chiedono soldi e minacciano la straniera, che si vede costretta a cedere il portafogli con dentro poco più 150 euro. I rapinatori, non contenti, pretendono che la vittima consegni loro anche tutti i preservativi che ha in casa, prima di scappare via. La donna, sotto choc, chiede aiuto ai carabinieri. Nessuna traccia degli aggressori, che sembra avessero un accento dialettale. Nessuna traccia neppure del cliente che, ovviamente, aveva contattato la straniera telefonicamente, ma stando attento ad impostare il dispositivo in modo tale da non rendere visibile il numero dal quale proveniva la telefonata.

Ultimo aggiornamento: 12:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA