Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Salerno, ferita a 14 anni dal fidanzatino:
colpita con un coltello per la pizza

Lunedì 13 Giugno 2022 di Petronilla Carillo
Salerno, ferita a 14 anni dal fidanzatino: colpita con un coltello per la pizza

Se si è violenti, lo si è a qualsiasi età. Unica possibilità, se hai 14 anni, è quella di avere una occasione in più di poter cambiare il proprio destino. Intanto, per quello che potrebbe essere definito un semplice scatto di nervi, sabato sera una quattordicenne ha rischiato di finire in sala operatoria per un tendine reciso ed il suo fidanzatino coetaneo di essere accusato di tentato omicidio. Per fortuna tutto si è concluso senza troppi danni: la ragazza ha riportato soltanto un ferita superficiale al braccio, lui è stato denunciato dalla polizia chiamata in soccorso in pizzeria dove, per qualche istante, si è temuto il peggio. Quello che resta, drammatico, è però il gesto: l’aggressione. Tutto è accaduto in una normale serata di sabato, in una pizzeria di Mariconda. La coppia di fidanzatini era a mangiare con la famiglia di lei quando, all’improvviso, i due iniziano a discutere per un banale motivo di gelosia. Una parola tira l’altra e lui, che aveva il coletto tra le mani per tagliare la pizza, gli rifila un fendente al braccio. 

La ragazza ha iniziato ad urlare, disperata. Spaventata, assieme ai suoi genitori, del sangue che usciva dal braccio e che impediva di vedere l’importanza della ferita. Il ragazzino, sotto choc. Immediata la corsa in ospedale dove la quattordicenne è stata seguita dai sanitari che le hanno suturato la ferita e hanno verificato se vi fossero danni al muscolo o al tendine, in quanto il colpo ha sfiorato le parti delicate dell’arto. Per fortuna, nulla di grave e, dopo un po’, la piccola è tornata a casa accompagnata dai suoi genitori. Sul posto è intervenuta una volante della polizia di Stato che ha ascoltato i testimoni e anche la ragazzina, quindi ha chiamato i genitori del minorenne per ridarlo loro in affido. 

Video

Secondo le ultime rilevazioni Istat, il 14,3 per cento delle donne che chiedono aiuto dopo aver subito violenza, è minorenne. Un dato che si allinea con una ricerca fatta, qualche anno fa, da Skuola.net che, intervistando 5mila studenti delle superiori, portò alla luce un dato preoccupante: quasi 1 ragazzo su 10 ha alzato le mani sulla propria fidanzata durante un litigio. Tra questi, una piccola percentuale lo ha fatto più di una volta. Mentre il 35% si lascia andare a insulti pesanti. Questo perché l’80% dei giovani maschi ammette di essere geloso quando sta con una ragazza. Per quanto riguarda le ragazze, invece, quasi la metà delle minorenni (42%) tende a perdonare: il 39% giustifica il gesto ma non accetta che si ripeta, il 3% invece ci passa sopra con un «può capitare». Naturale, viste queste premesse, che quasi tutte decidano di rimanere con un ragazzo possessivo: il 64% accetta la gelosia ma cerca di combatterla; il 12% giudica i comportamenti ossessivi come un segno d’amore; solo il 16% preferisce lasciarlo.

Ultimo aggiornamento: 13:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA